Prodotti tipici locali: il mallegato di Pescia

di Massimo Tommasini
0 commento
Prodotti tipici locali: il mallegato di Pescia

Prodotti tipici locali: il mallegato di Pescia Il mallegato, che è oggi un presidio Slow Food, è un insaccato che fa parte della famiglia dei “salumi di sangue”, cioè dei sanguinacci.

A Pescia, in provincia di Pistoia, rappresenta un prodotto tipico locale ed in altri territori della toscana dove viene prodotto è conosciuto con nomi diversi e, a seconda della località, della tradizione e delle abitudini dei macellai che lo preparano, ha ricette che si discostano leggermente tra loro.

Mallegato, presidio Slow Food

Prodotti tipici locali: il mallegato di Pescia La versione più classica, quella del presidio Slow Food, prevede di insaccare il sangue crudo e di condirlo con lardello suino tagliato a cubetti precedentemente saltati nel Vin Santo o nel vino bianco, mescolato a sale, noce moscata, cannella, pinoli e uva passa.

Una volta che il budello è stato riempito viene legato lasciandolo abbastanza lento, “lasco”, come si dice da queste parti, cioè “legato male”, che ha poi portato al termine “mallegato”, altrimenti durante la cottura potrebbe scoppiare.

Dopo la legatura l’insaccato viene cotto in un pentolone fin quando la sua parte interna raggiunge una temperatura di circa 90°, dando al mallegato raggiunge la giusta consistenza.

Il prodotto ha un colore scuro, quasi nero, con un gusto aromatico per le spezie contenute e al contempo dolce per il sangue che ne è l’ingrediente principale.

Prodotti tipici locali: il mallegato di Pescia Oggi si mangia abbastanza raramente, per lo più freddo, tagliato a fette piuttosto spesse, anche due centimetri, infarinato e fritto in padella, accompagnato da legumi o da qualche erba amarognola che contrasta il dolce del sangue e dell’uvetta.

Viene gustato anche tagliato a fettine sottili con un uovo sbattuto sopra oppure con le cipolle cotte o con con erbe passate in padella, anche amarognole come le rape, che contrastano il sapore dolce e speziato del mallegato, o con fagioli o ceci lessati.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405