Spaghetti alla Nerano, pasta e zucchine condita di mistero e leggenda

di Francesca Sepe
0 commento
Spaghetti alla Nerano

Un famoso primo piatto della tradizione napoletana, gli spaghetti alla Nerano, non può non essere avvolto da un’intrigante leggenda.

Maria GraziaL’origine degli spaghetti alla Nerano suscita ancora molti dubbi, ma secondo le fonti più accreditate fu elaborato per soddisfare le richieste di un illustre ospite che approdò sul pontile di fortuna che collegava il mare ai ciottoli della spiaggia della baia del piccolo borgo di Nerano, abitato prevalentemente da pescatori, ma frequentato da personaggi illustri e famosi.

Francesco Caravita, principe di Sirignano, meglio noto come Pupetto, stava navigando da Capri a Positano quando giunse al famoso ristorante “Maria Grazia”, locale già in voga negli anni Cinquanta del secolo scorso.

Formaggi costosi-caciocavallo-podolico

caciocavallo podolico

Purtroppo per lui, la dispensa di Donna Rosa, figlia della fondatrice, quella sera era praticamente vuota; erano rimaste solo le ultime zucchine dell’orto di famiglia, i residui di un caciocavallo, sicuramente il provolone del Monaco e qualche altro formaggio locale molto stagionato, si presume pecorino o caciotta secca.

Un primo piatto nato per caso

Ristorante Maria GraziaLa ristoratrice provò a legare pasta e zucchine col formaggio a pasta filata piccantino tipico di Agerola, cittadina dei suggestivi Monti Lattari, poi olio, sale, basilico, pasta e acqua di cottura mantecati in padella, bastarono a completare il piatto da servire al principe Pupetto.

Il risultato fu superiore a ogni aspettativa e si racconta che gli stessi Eduardo de Filippo e Totò ne fossero particolarmente ghiotti, raccomandandolo agli amici, decantando l’eccezionale cremosità.

La ricetta, nata per gioco dall’amicizia tra Donna Rosa e il Principe Pupetto di Sirignano, tramandata di generazione in generazione, rese questa pietanza famosa in tutto il mondo.

Spaghetti alla NeranoTuttavia, il mistero degli ingredienti utilizzati quella sera rimane e per questo, seppur si tratti di un piatto semplice e gustoso, gli spaghetti alla Nerano continuano ad attrarre, conquistando i palati più esigenti, suscitando fascino e curiosità, alimentandone la diffusione. Oggi ogni chef vanta la sua particolare ricetta con l’aggiunta di un personalissimo ingrediente segreto.

Il ristorante in cui sono nati gli spaghetti alla Nerano è aperto dal 1901, ma affonda le proprie radici addirittura nel Medioevo, all’epoca delle Repubbliche Marinare.

I figli di Donna Rosa continuano a dedicarsi con passione alla cucina, proponendo i piatti che hanno fatto la storia del ristorante, accompagnati da un boccale gelato di vino bianco con pesche affettate e dolci per palati sopraffini.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405