Prodotti tipici locali: il Salame di Borno

di Massimo Tommasini
0 commento
Prodotti tipici locali: il Salame di Borno

Il Salame di Borno è così chiamato per la sua forma arrotondata e affusolata, ma non è un classico insaccato, bensì un piatto ricco e saporito che permette di utilizzare i ritagli di maiale e i porcini fatti seccare al sole.

Prodotti tipici locali: il Salame di BornoPuò essere preparato anche con gli spinaci selvatici che facilmente si trovano nei pascoli di montagna, attorno alle malghe degli alpeggi.

Gli ingredienti per preparate questo gustoso piatto sono i funghi porcini, la carne di maiale magro, del salame fresco tritato, cervella lessata, gli spinaci cotti, del formaggio grana grattugiato, pangrattato, sale, spezie, farina bianca, butto, uova, aglio e prezzemolo.

Salame di Borno, una preparazione laboriosa

La preparazione è piuttosto laboriosa; è necessario fare insaporire con un pezzo di burro gli spinaci, rosolare i funghi affettati con burro, aglio e prezzemolo, quindi tritare la carne e le cervella, unirvi il salame, i funghi, gli spinaci tritati, il pane, il formaggio, due uova, insaporire con sale e spezie e mescolare bene, formando un impasto profumato che servirà per il ripieno.

Prodotti tipici locali: il Salame di BornoA parte si deve preparare la pasta con la farina, le uova e il sale, che va poi fatta riposare per mezz’ora e tirata lasciandola abbastanza spessa facendo un rettangolo di circa 60 x 40 centimetri.

La pasta va quindi stesa sopra una tela bianca, vi si dispone sopra il ripieno nel lato lungo quindi lo si arrotola chiudendone bene i lati.

Dopo averlo arrotolato nella tela, si legano gli estremi con uno spago formando un salame, che verrà cotto per un’ora in acqua bollente salata.

Prodotti tipici locali: il Salame di BornoUna volta cotto, al salame si deve togliere la tela ed è pronto da affettare, servito ben caldo nel piatto con burro fuso, un po’ di passata di pomodoro e formaggio grana grattugiato.

La sua zona di produzione è la Val Camonica, in particolare nel territorio di Borno che si trova sul cosiddetto Altopiano del Sole, a circa 900 metri slm, nella zona centrale della vallata, oltre il lago d’Iseo e la Franciacorta, dominata dalle vette più orientali delle Prealpi Orobiche.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405