Relais & Châteaux dietro le quinte: le api, alleate nascoste di cucina e cantina

di Massimo Tommasini
0 commento
le-api-di-relais-chateaux

Sono 89 le dimore in tutto il mondo che ospitano le api, sentinelle della biodiversità nelle loro tenute e giardini; in Italia, 7 ristoranti e produttori di vino hanno scelto di dedicarsi all’apicoltura: un’alleanza silenziosa per preservare il territorio e trasmettere l’unicità dei suoi sapori.

Non solo piccole, operose e impegnate a produrre il nettare che associamo a dolci ricordi d’infanzia e antichi rimedi contro raffreddori e malanni di stagione: oggi siamo molto più consapevoli circa l’importanza delle api, senza il cui instancabile e insostituibile lavoro di impollinatrici che preserva gli ecosistemi e favorisce le coltivazioni oltre un terzo del cibo che portiamo sulle nostre tavole smetterebbe di esistere.

Le api per ristoranti ed hotel

Anche 89 Relais & Châteaux in tutto il mondo hanno scelto di dedicarsi all’apicoltura, accogliendo una o più colonie di api nei propri boschi, parchi e giardini. Offrendo alle sentinelle della biodiversità protezione dai fattori climatici e ambientali che ne mettono a rischio salute e sopravvivenza, le dimore onorano l’impegno assunto all’unanimità nel 2014 sottoscrivendo, presso la sede UNESCO di Parigi, il Manifesto dell’associazione per tutelare l’ambiente e preservare e trasmettere le peculiarità del territorio.

Mieleria di San LorenzoL’ingresso delle api nelle dimore innesca infatti un circolo virtuoso che mantiene vivo e in salute tutto il territorio circostante. Mentre le colonie trovano negli ampi spazi verdi messi a loro disposizione abbondanti piante selvatiche autoctone e colture non trattate chimicamente, e dunque un ambiente tranquillo e favorevole al loro sviluppo, attraverso il processo di impollinazione tutelano l’equilibrio dell’ecosistema e garantiscono la conservazione della diversità locale di cui Chef e Maître de Maison sono custodi e ambassador.

Miele di Laveno Mombello

Ogni goccia di miele racchiude il gusto e il know-how del luogo in cui viene prodotto. Colore, sapore, consistenza e proprietà medicinali variano da una regione all’altra, e sono espressione del suo particolare terroir; anche le tecniche di produzione del miele cambiano in base alle usanze e alla cultura locali. Accostarsi al mondo dell’apicoltura significa entrare in un mondo affascinante e ricco di sfumature sensoriali, paragonabile a quello di altri prodotti come l’olio e il vino.

Sette i locali dell’eccellenza enogastronomica italiana dove le api sono alleate silenziose del successo di ristoranti stellati e cantine riconosciute in tutto il mondo:

  1. Relais & Châteaux Dal Pescatore Santini (2 stelle Michelin), Canneto sull’Oglio (MN)
  2. Relais & Châteaux Villa Crespi (2 stelle Michelin), Orta San Giulio (NO)
  3. Relais & Châteaux Don Alfonso 1890 (2 stelle Michelin), Sant’Agata sui Due Golfi (NA)
  4. Relais & Châteaux Hotel Borgo San Felice a Castelnuovo Berardenga (SI)
  5. Relais & Châteaux Castello Banfi Wine Resort, Montalcino (SI)
  6. Relais & Châteaux Villa Cordevigo Wine Relais, Cavaion Veronese (VR)
  7. Relais & Châteaux Il Borro, San Giustino Valdarno (AR)

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405