Prodotti tipici locali: il raviggiolo, formaggio dell’appennino romagnolo

di Massimo Tommasini
0 commento
il raviggiolo

il raviggioloIl raviggiolo è uno dei formaggi tipici delle zone appenniniche centro settentrionali, soprattutto di quella tosco-romagnola.

Si tratta di un prodotto a pasta bianca, tenera, dal sapore delicato e burroso, di forma circolare e spessore tra i due e 4 centimetri; trattandosi di un prodotto fresco ha una conservabilità massima di circa una settimana, anche meno; il periodo di produzione è quello autunnale ed invernale, tra ottobre e marzo.

il raviggioloAlcuni studiosi legano la sua zona di distribuzione alle aree di dominio umbre preromaniche.

Nel 1515 il Magistrato Comunicativo della terra di Bibbiena portò in dono a Papa Leone X alcune forme di questo formaggio a pasta morbida, presentato in un canestro ricoperto di felci; è la prima testimonianza storica di questo formaggio, frutto della caseificazione con caglio senza rottura.

Il raviggiolo, amato anche da Pellegrino Artusi

il raviggioloPellegrino Artusi, nel suo “La Scienza in Cucina e l’Arte di Mangiar bene”, inserisce il “cacio raviggiolo” quale ingrediente per i “Cappelletti all’uso di Romagna”, a testimonianza della bontà ed importanza culinaria del prodotto.

Il raviggiolo viene oggi prodotto in abbondanza nell’area del Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campagna, dove la produzione si distingue per l’uso di latte vaccino crudo, rispetto ad altre aree dove viene utilizzato prevalentemente latte di pecora.

Per salvaguardare questa tipologia di produzione, il raviggiolo di latte vaccino crudo è diventato Presidio Slow Food.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405