Prodotti tipici locali: il bastardo del Grappa, specialità di malga

di Massimo Tommasini
0 commento
BastardoDelGrappa(leddistribuzione.it)

Bastardo del GrappaL’esperienza di arrivare a piedi in un alpeggio o una malga, fermarsi a riposare, respirare aria pura, bere un buon bicchiere di vino fresco e assaggiare un pezzo di formaggio e qualche fetta di salame è davvero appagante.

Sulle cime delle Alpi e dell’intera catena appenninica questa esperienza non è certo inusuale e l’incontro con i montanari lascia sempre piacevoli ricordi.

Sugli alpeggi dell’Altopiano di Asiago e del Monte Grappa che rimanda alla memoria storica delle battaglie cruente della prima guerra mondiale di cent’anni fa, è consuetudine trovare nelle malghe un formaggio particolare, il bastardo, un formaggio la cui produzione risale all’800, periodo in cui era prodotto nelle malghe venete degli alpeggi.

Deve il suo nome al fatto di essere un derivato di lavorazione tra i formaggi Asiago pressato e Asiago d’allevo; infatti la sua ricetta non era riconducibile a nessuna delle due tipologie, ma era un ibrido di esperienze tramandate e tecniche casearie ed anche perché talvolta, nel latte utilizzato per la sua produzione, veniva aggiunta anche una componente di latte di capra.

Bastardo del GrappaLa sua zona di produzione ricade nel territorio che circonda il monte Grappa, che col tempo si è allargata anche ad altri comuni del vicentino e alcuni del bellunese e trevigiano.

Un territorio, quello del Grappa, dove crescono foraggi con una flora ricca e varia, che permette di apportare al latte una maggiore ricchezza di aromi e sapori al latte.

Probabilmente la sua diffusione si è sviluppata dopo il secondo dopoguerra, con l’affermarsi di condizioni economiche e sociali meno precarie e con la massificazione del turismo di montagna.

Bastardo del Grappa, eccellenza italiana di nicchia

Il “bastardo” è un formaggio a pasta semicotta prodotto con latte vaccino semigrasso, ottenuto in malga da latte crudo, parzialmente scremato per affioramento; nelle malghe il latte della mungitura serale viene posto in vasche di affioramento in un locale ventilato chiamato “Cason dell’Aria”, e lasciato lì fino al mattino successivo.

BASTARDO_DEL_GRAPPAViene quindi separato dalla materia grassa, posto in caldera di rame e mescolato al latte della mungitura del mattino, per essere riscaldato aggiungendovi il caglio; la cagliata che si forma viene poi rotta in modo fine e nuovamente riscaldata e quindi messa nelle fascere per lo spurgo e lievemente pressate.

La forma a questo punto si lascia riposare, nel “Cason del Fogo” per 2-3 giorni, fin quando la pasta assume una consistenza morbida, durante il quale avviene la salatura.

Bastardo del Grappa: un anno di stagionatura

La maturazione del “bastardo” avviene in un locale adatto chiamato “Casarin”, per almeno 25 giorni, mentre la stagionatura può superare l’anno, durante la quale il formaggio viene rivoltato ed oliato frequentemente.

BASTARDO_DEL_GRAPPAHa forma cilindrica, di peso variabile da 2,5 a 5 chili, un diametro tra i 20 ed i 35 centimetri e scalzo diritto tra i cinque ed otto centimetri a facce piane.

La crosta è asciutta e pulita; la pasta morbida, paglierina, con occhiature piccole ed un colore più pronunciato da maturo.

Quando viene stagionato più a lungo cambia anche la consistenza della pasta che diventa progressivamente più granulosa e compatta; il sapore è dolce, sapido, più intenso nelle forme più invecchiate; il profumo è gradevole.

Il formaggio “bastardo” è reperibile nelle malghe del Grappa e nelle latterie della zona da giugno a ottobre; in genere si consuma crudo negli antipasti o come secondo piatto ma può essere anche fritto o cotto alla griglia.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405