Prodotti tipici locali: i Basotti dell’alto Savio

di Massimo Tommasini
0 commento
basotti

basottiL’autoconsumo, vitale per l’economia dell’alta Valle del Savio, in Romagna, ha originato una cucina semplice e sobria, strettamente legata alle stagioni, ai prodotti della terra e della stalla. Costretta ad ottenere il meglio da quanto aveva a disposizione, ha imparato dalla lunga dominazione toscana a sfruttare in modo raffinato ogni prodotto, anche il più umile e povero.
Un piatto tipico, risultato di questa capacità di coniugare in modo esemplare fantasia e necessità, sono i Basotti,  tagliolini cotti in un brodo ottenuto dalle ossa del maiale (ultimo regalo di questo animale prezioso),  disposti a strati in una teglia e gratinati.
La teglia, appoggiata sul camino con un treppiede, era posta sulla brace – che ricopriva anche il coperchio per ottenere l’effetto forno – fino a che il brodo non veniva assorbito completamente dai tagliolini.

Ingredienti

Per  quattro persone:
4 uova,  400 g di farina, formaggio pecorino o grana grattugiato, pangrattato, strutto o burro.

Preparazione

basottiMentre si prepara una sfoglia e la si taglia in tagliolini sottili, mettere sul fuoco il brodo: o con zampetto, coda e altre ossa umili di maiale come prevedeva la ricetta originaria, oppure di pollo o manzo. Ungere con strutto o burro una teglia, spolverizzandola con pangrattato. Stendere un primo strato di tagliolini, condire con un po’ di strutto e spolverizzare con formaggio grattugiato, proseguendo poi in questo modo con altri strati.

Versare con un  ramaiolo il brodo nella teglia, fino a ricoprire il tutto e infornate. Va tenuta in forno a circa 150° C per 30-35 minuti e comunque fino a quando non si sarà formata una crosticina dorata e il brodo completamente evaporato. Servire infine i basotti  caldissimi nei piatti, a quadrotti.

Ogni anno, ad inizio estate, a Bagno di Romagna, la locale Pro Loco organizza la Sagra dei Basotti.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405