Parte la raccolta del riso 2022: resa scarsa ma buon prodotto

di Massimo Tommasini
0 commento
Riso

raccolta risoInizia in questi giorni la raccolta del riso nelle campagne vercellesi, dove nascono prodotti che rappresentano un’assoluta eccellenza italiana. Una raccolta che rappresenta il punto di arrivo di una stagione difficile, in cui le aziende produttrici di riso hanno dovuto combattere con la siccità prima e con la crisi energetica poi.

La resa risente dunque di una situazione complessa, ed è già evidente che ci saranno criticità da affrontare anche nei prossimi mesi.

gliAironiLa raccolta del riso è iniziata da circa una settimana per le varietà precoci, come l’Indica, mentre per altre varietà come il Carnaroli e l’Arborio, prevediamo di iniziare a raccogliere al massimo all’inizio della prossima settimana“, spiega Gabriele Conte, brand manager de gliAironi. “Dai primi test effettuati possiamo dire che la qualità del riso è generalmente buona, cosa di cui siamo soddisfatti, anche se alcune varietà presentano chicchi più piccoli rispetto alla media a causa dei lunghi mesi di siccità“.

gliaironi_cucchiaio_carnaroli

La questione siccità, appunto, tiene banco nelle valutazioni sul raccolto 2022.

La resa è sicuramente più bassa rispetto agli anni scorsi, fattore che insieme all’aumento dei costi energetici e alla carenza di prodotto sul mercato – soprattutto Pavese – contribuisce ad aumentare la tensione sulla Borsa del riso“, continua Conte. “Sarà dunque un’annata ancora difficile, in cui molte aziende agricole, già colpite dal meteo e dai rincari, faticheranno per sopravvivere”.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405