Le Ricette di Isa: il migliaccio salato, dalla tradizione napoletana

di Isabella Ligi
0 commento

Oggi a tavola con la tradizione napoletana: il migliaccio nella sua versione salata.

Questo piatto arriva direttamente dalla cucina partenopea con la sua base di semolino a cui vengono aggiunti altri ingredienti come salumi e formaggi.

Un piatto saporito e nutriente, una sorta di torta salata che arriva dalla tradizione contadina e anche oggi sempre attuale.

Il migliaccio napoletano ha origini molto antiche, addirittura medievali, la sua parola deriva dal latino miliaccium che indica un tradizionale pane di miglio.

Oggi i vecchi ingredienti sono stati sostituiti dal semolino, latte e burro.

In genere viene preparato in occasione del Carnevale e della Pasqua.

Un rustico perfetto da presentare come antipasto per un pranzo o una cena speciale o un aperitivo tra amici.

Si presta ad essere preparato in diverse versioni. Da quella dolce a quella salata con l’aggiunta di strutto, ciccioli o salumi diversi.

Il risultato una volta pronto sarà di avere un rustico croccante all’esterno ma dal cuore morbido e filante. Consistenze differenti che conquisteranno tutti.

Oggi lo prepariamo in una versione genuina e semplice da realizzare in tutto il suo sapore. Con il salame napoletano che non può mancare in questa ricetta ed altri salumi come la mortadella e l’immancabile provola dolce e la ricotta.

Se volete anticipare i tempi di cottura e per praticità, potete anche acquistare il semolino precotto. Ma vediamo come realizzarlo.

Ingredienti

semolino 250 g; acqua 1 l; ricotta vaccina 400 g; latte fresco intero 250 g; burro 50 g; uova medie 4; salame napoletano 180 g  mortadella 100 g; pecorino grattugiato 100 g; sale e pepe q.b.

La preparazione

Per preparare il migliaccio salato in un tegame unite il latte, l’acqua, il burro, il sale e il pepe. Appena il composto sfiora il bollore, versate a pioggia il semolino e mescolate per bene con una frusta. Proseguite per qualche minuto. Una volta cotto, lasciatelo raffreddare in una pirofila bassa e larga coprendolo con pellicola trasparente a contatto: lasciate il composto a temperatura ambiente o in frigorifero, ma solo una volta che si è intiepidito.

In una ciotola capiente sbattete le uova intere; setacciate all’interno della ciotola la ricotta, per renderla bella cremosa, quindi amalgamate bene il composto con una frusta.

Aggiungete anche il semolino ormai raffreddato, poi proseguite con gli altri ingredienti: il salame napoletano, pecorino grattugiato e per ultimi, scamorza, salame e mortadella a dadini. Mescolate bene e trasferite tutto in uno stampo a cerniera imburrato e infarinato.

Cuocete in forno ventilato preriscaldato a 180° per 45 minuti: se dovesse scurirsi troppo, potete coprirlo con un foglio di alluminio. Prima di sformarlo e servirlo, lasciatelo raffreddare per tagliarlo a fette e poterlo gustare al meglio.

Potete preparate il migliaccio salato in anticipo, meglio ancora il giorno precedente: il riposo lo renderà ancora più irresistibile. Lo potrete accompagnare con un’insalata fresca mista e croccante.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405