Città, paesi e borghi: Sutri, uno dei borghi più belli d’Italia

di Massimo Tommasini
0 commento
Sutri

SutriVenire a Sutri è quanto di meglio si può desiderare per arricchire la conoscenza della Tuscia, per scoprire luoghi d’arte di tutto rispetto, per trascorrere una vacanza nel verde seguendo i sentieri che attraversano il parco regionale di Sutri, il più piccolo del Lazio.

Sutri è uno stupendo borgo che sorge su un’altura tufacea fra gli apparati vulcanici Cimino e Sabatino, a pochi km dalla capitale e a soli 32 km da Viterbo, ed il suo territorio è prevalentemente collinare.

Vi sono reperti archeologici a testimonianza che i primi insediamenti umani in questa zone risalgono addirittura ad età preistorica, sono stati ritrovati frammenti di pietre lavorate, di frecce, e piccoli frammenti di vasellame in terracotta.

Il borgo è di origine etrusca, fu sede di scontri tra i romani e le popolazioni etrusche per la sua posizione particolarmente strategica. 

tombe rupestri SutriA testimonianza dei passati insediamenti etruschi, vi sono numerose tombe rupestri scavate nel tufo, disposte su uno o più file, alcune di esse sono decorate con cura e suddivise da pregevoli pilastri.

Nel V secolo il borgo fu sede pontificia dopo aver subito in precedenza razzie e saccheggi dalle popolazioni barbare; nel 569 venne occupata dai longobardi, ma fu nel 728 che vi fu un evento che segnò la storia del paese: Liutprando re dei Longobardi donò il territorio al Papa; successivamente fu dominio dei Vico e degli Anguillara.

Bandiera Arancione per qualità turistica ed ambientale

Sutri offre al turista numerosi luoghi di interesse da visitare; il paese infatti oltre ai resti di origine etrusca ne ha anche di origine romana e medievale.

Sutri Anfiteatro

Tra questi l’Anfiteatro, risalente al I sec a.C. e completamente scavato nel tufo; simile all’Anfiteatro Flavio presentava un coronamento finale con diverse strutture decorative, nicchie, statue e colonne, oggi parzialmente conservate.

Poi ancora, la Cattedrale di stampo romanico, modificata nel corso dei secoli successivi, pur mantenendo alcuni aspetti dell’epoca passata, come il pavimento e la cripta sottostante l’abside.

Santa_Maria_del_TempioDa visitare anche la Chiesa della Madonna del Tempio, di proprietà dell’Ordine dei Templari, la grotta di Orlando, dove secondo la leggenda nacque Orlando, paladino di Francia e la Casa di Dante, dove si dice che Dante Alighieri soggiornò, nel suo viaggio a Roma per il Giubileo del 1300.

Un territorio ricco di storia e di gusto

lago-di-braccianoNelle vicinanze di Sutri si trovano molti centri e luoghi di notevole interesse artistico e paesaggistico; a pochi chilometri, lungo la via Cassia in direzione nord, si trovano Capranica, Viterbo, Montefiascone ed infine Bolsena con il lago di Bolsena e Bagnoregio; verso sud tra la via Cassia e la via Flaminia Nepi ha un bel centro medioevale, Calcata con il vecchio borgo abbandonato e le cascate; verso ovest a meno di venti minuti si trova il lago di Bracciano con Trevignano Romano.

Palazzo-Doebbing-Suttri

Dal punto di vista paesaggistico, le strade che si diramano dalla Cassia verso Ronciglione e Soriano del Cimino, con la Via Cimina in particolare, sono immerse nel verde tra noccioleti, castagneti.

Per gli amanti dell’arte c’è il Museo di Palazzo Doebbing di tutto rispetto, da poco inserito all’interno dell’ex Palazzo Vescovile, che ospita mostre d’arte selezionate e molto interessanti.

fagioli di SutriPer i buongustai, tra fine agosto e inizio settembre, c’è la frequentatissima Sagra del Fagiolo, nata per promuovere e far conoscere il prodotto tipico di Sutri per eccellenza: il fagiolo.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405