Città, paesi e borghi d’Italia: Bracciano, la sentinella del lago

di Massimo Tommasini
0 commento
Bracciano

BraccianoSulla sponda occidentale del lago omonimo, detto anche Lago Sabatino, Bracciano, in provincia di Roma, è un bel borgo tipicamente medioevale, ospitale e tranquillo.

Abitato fin dall’epoca etrusca e successivamente dai romani, come testimoniano i tanti ritrovamenti dei siti archeologici nei dintorni, custoditi nel Museo Civico del paese, Bracciano inizia la sua storia conosciuta in epoca medioevale quando, sulle colline circostanti alcuni nobili vi costruirono alcuni castelli per difende le popolazioni dalle invasioni saracene.

Nel XVI secolo, grazie alle nobili frequentazioni romane, il piccolo borgo si sviluppò e prosperò, anche con l’avvio di attività produttive quali la lavorazione del ferro e dello zolfo, l’arte tipografica e la lavorazione degli arazzi, iniziando la sua espansione territoriale all’esterno delle mura.

Bracciano, il castello

Bracciano castello L’elemento preponderante dell’epoca a Bracciano è il quattrocentesco castello Orsini-Odescalchi, attorno al quale si è sviluppato il piccolo borgo, circondato da una cerchia di mura fortificate.

Da uno dei suoi bastioni, il Belvedere della Sentinella, è oggi un piacevolee frequentato luogo di sosta ed incontro dal quale si gode un meraviglioso panorama sulla campagna circostante e sul lago.

Bracciano Il borgo medioevale, arroccato sulla collina, è piena di vicoli pittoreschi e silenziosi, dove si respira un’atmosfera particolare, antica.

All’interno della cinta muraria si trova il quattrocentesco convento di S. Maria Novella, oggi sede del Museo Civico e dell’Archivio Storico Comunale ed alcune caratteristiche case-torri.

 

Bracciano, il lago e il Parco Naturale

Bracciano_Lago Nei dintorni del paese è stato istituito il Parco Naturale Regionale di Bracciano Martignano, per garantire e promuovere la conservazione e la valorizzazione del territorio e delle risorse naturali e culturali del vasto comprensorio dei Monti Sabatini.

All’interno di quest’area si trovano la “Caldara di Manziana”, caratterizzata dalla presenza di acque sulfuree e di boschetti di betulle e la zona umida delle “Pantane e Lagusiello” di Trevignano, zona di rifugio per gli uccelli acquatici.

Trattandosi di una località turistica nota e soprattutto poco distante da Roma, Bracciano ed il territorio del lago ha moltissimi ristoranti e trattorie dove si possono mangiare piatti preparati con ingredienti locali.

Bracciano, la gastronomia

Uno di questi è il pesce del lago, in particolare anguilla, la tinca, il persico sole, il luccio, la carpa, il pesce persico, il coregone e il lattarino, ma anche formaggi ovini e caprini come ricotta, primo sale e caciofiore stagionati e speziati provenienti dall’allevamento delle aziende agricole e casearie.

Porchetta romana Cinghiali, funghi, tartufi, castagne e prodotti del sottobosco arrivano invece dai boschi vicini, mentre la carne bovina proviene dai diversi allevamenti di razza maremmana, tipica dell’alto Lazio.

Anche l’allevamento dei maiali è una realtà consistente, dato che con quest’ultimo, cotto nei forni a legna, si fa la porchetta, uno dei prodotti più caratteristici dell’intero Lazio e della bassa Toscana.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405