Città, paesi e borghi: Collesalvetti, la città dell’antico acquedotto leopoldino

di Massimo Tommasini
0 commento
Collesalvetti

CollesalvettiImmersa tra le colline, i boschi e la macchia mediterranea del Tirreno settentrionale, troviamo Collesalvetti, città ricca di testimonianze storiche di quasi 17000 abitanti della provincia di Livorno.

Il territorio ha visto la presenza umana fin dalla preistoria; testimonianze della presenza etrusca e romana sono tuttora visibili; questi ultimi vi avevano realizzato una stazione di posta, un punto di assistenza e ristoro per i viaggiatori, compreso un impianto termale.

collesalvetti-(www.lindipendenza.com)Collesalvetti è sorta dall’unione di diversi piccoli borghi e pievi in epoca medioevale; la sua storia è stata segnata da sempre dalla natura del terreno, soggetto a periodiche alluvioni per lo straripamento dei numerosi corsi d’acqua presenti nel territorio circostante.

ICollesalvetti conseguenti impaludamenti favorirono lo spopolamento delle pianure e l’arroccarsi degli insediamenti sulle colline e solo con le bonifiche attuate prima dai Medici e successivamente dai Lorena fu possibile utilizzare i terreni a fini agricoli.

In epoca medioevale Colle, come era conosciuta al tempo, fu soggetta all’influenza della vicina Pisa e successivamente della Firenze medicea, utilizzata dalla nobile casata come residenza di caccia, con una ventina di poderi ed una grande fattoria granducale, attorno al quale si è consolidato il paese.

PonteMediceoCollesalvettiCollesalvetti nel ‘700 passò da fattoria a sede amministrativa del vasto territorio circostante; sono di questo periodo la nascita di numerosi poderi e nuove colture, cui seguì un deciso incremento della popolazione.

La Fattoria, nel capoluogo, è tuttora esistente, mentre le sue frazioni, a parte l’industrializzata Stagno, sono centri a prevalente carattere agricolo, che stanno valorizzando anche sotto l’aspetto del turismo rurale.

L’acquedotto leopoldino

Acquedotto_Leopoldino-(wikipedia.org)Sono molte le cose da ammirare a Collesalvetti, sia sotto l’aspetto storico-artistico, sia dal punto di vista naturalistico; in città ci sono la Villa Medicea, villa Celesia e villa Carmignani, belle residenze nobiliari come villa Traxler nella vicina Nugola; nel territorio c’è l’antico ponte mediceo sul torrente Tora, il duecentesco eremo della Sambuca, l’acquedotto leopoldino, un’opera imponente di 18 chilometri che solcano il territorio con arcate talvolta vertiginose e varie suggestive chiese di diverse epoche nelle sue frazioni.

Oasi della ContessaDiverse anche le aree protette, come l’Oasi della Contessa a Stagno, la Valle Benedetta, la zona umida del Biscottino, il bosco del Suese a Guasticce e le aree naturalistiche di Parrana e Colognole, per non dire delle spiagge pisane e livornesi poco distanti.

Manifestazioni ed eventi

degustazione-olioNumerose le manifestazioni che vengono organizzate nel corso dell’anno a Collesalvetti e nelle sue frazioni: sagre ed eventi di ogni tipo; oltre a quelle in occasioni delle ricorrenze religiose, non mancano quelle dedicate ai prodotti enogastronomici tipici del territorio, come “Golosa Colognole” dedicata al miele, “Pane e olio in frantoio”, “Settembre di…vino”, la “Sagra della Pizza”, quella del “Pane al Pomodoro” e la “sagra del Co’omero” di Stagno.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405