Un anno da incorniciare per il Verdicchio de La Staffa

di Massimo Tommasini
0 commento
La Staffa
Riccardo Baldi de La Staffa riceve il Premio Best Winemaker Under 35

Riccardo Baldi de La Staffa riceve il Premio Best Winemaker Under 35

Il 2021 è diventato davvero un anno da incorniciare per l’azienda agricola La Staffa di Staffolo, in provincia di Ancona, che negli ultimi mesi, oltre a raccogliere grappoli maturi di Verdicchio come ogni anno, ha vendemmiato anche prestigiosi riconoscimenti tra le più importanti guide di settore in uscita con l’inizio dell’autunno.

Il biologico Rincrocca

Rincrocca 2018

Rincrocca 2018

Il Castelli di Jesi Verdicchio Riserva Docg Classico “Rincrocca” 2018, tra le etichette di punta della cantina biologica marchigiana, è stato selezionato tra i migliori vini d’Italia dalle più importanti guide enologiche nazionali.

Dopo essere stato premiato come Vino Slow da Slow Wine sono arrivati per il secondo anno consecutivo i Tre Bicchieri del Gambero Rosso e alcuni giorni più tardi i Cinque Grappoli su Bibenda.

Importanti conferme della costante crescita qualitativa di un’azienda che negli ultimi anni ha saputo ritagliarsi un posto sempre più di rilievo non solo all’interno della denominazione dei Castelli di Jesi, ma anche a livello nazionale e internazionale, accompagnata da un apprezzamento e un’espansione altrettanto marcati anche nel mercato italiano ed estero.

Riccardo Baldi, giovane, ma competente

La StaffaA rendere ancor più memorabile il 2021 per il vignaiolo titolare de La Staffa Riccardo Baldi, è stato il riconoscimento come miglior produttore di vino italiano under 35 consegnatogli a settembre al Vinòforum di Roma in occasione della cerimonia di premiazione dei Food&Wine Italia Awards 2021, che celebrano ogni anno i giovani talenti dell’enogastronomia italiana ma anche le aziende, i professionisti e i progetti più virtuosi legati all’innovazione, alla responsabilità sociale, alla sostenibilità e al design nel mondo del cibo e del vino.

Riccardo Baldi

Riccardo Baldi

Dopo un 2020 davvero impegnativo per i motivi che tutti conosciamo – ha detto Riccardo Baldi – vivere un anno come questo è prima di tutto una bellissima boccata di ossigeno, ma ancor di più un’ulteriore iniezione di fiducia in quel percorso di conoscenza, amore e racconto del territorio che ho iniziato nel 2010, quando avevo appena vent’anni. Se oggi La Staffa è un nome conosciuto e apprezzato per il Verdicchio in Italia e all’estero, credo che possa esserne contento e andarne orgoglioso anche chi vive in questa splendida terra e da sempre conosce il potenziale enorme del nostro vino. Per anagrafe e carattere sono sempre stato curioso di scoprire nuove strade per tirare fuori il meglio da ciò che faccio e dal luogo in cui vivo e dove ho deciso di investire, pertanto anche se la sfida è davvero impegnativa la speranza è che il 2022 possa essere un anno ancora più memorabile di questo!”

Castelli-di-Jesi-Verdicchio-Riserva-Docg-Classico-Rincrocca-2017Dalla prima vendemmia nel 2010 a oggi Riccardo Baldi ha trasformato una piccola cantina con una produzione poco più che amatoriale in un’azienda vitivinicola di riferimento per il territorio, che esporta il 50% dei suoi vini all’estero. Stati Uniti, Francia, Russia, Giappone e nord Europa sono i mercati in cui il Verdicchio de La Staffa si è fatto sempre più apprezzare negli ultimi anni, diventando una presenza fissa nella carta dei vini di importanti ristoranti come il Marea a New York, il George V a Parigi e il Molto Buono a San Pietroburgo.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405