Thanksgiving day, il Ringraziamento chiude le feste d’autunno al Giardino delle Zucche

di Francesca Sepe
0 commento

Sarà il tradizionale Thanksgiving day a chiudere, nei giorni 25 e 26 novembre, le celebrazioni d’autunno de ‘Il Giardino delle Zucche – Pumpkin Patch‘ di Pignataro Maggiore, che, per la prima volta, offrirà la possibilità di vivere la tradizione del ‘Giorno del Ringraziamento’ vero e proprio momento di transizione al periodo delle festività natalizie.

Una festa, in origine religiosa, legata alla fondazione della nazione americana ma che ha trovato sempre più spazio nell’immaginario mondiale grazie a film e serie tv che hanno contribuito al suo riconoscimento ufficiale anche in Canada, Liberia, Brasile e nelle Filippine.

Nel 1863, nel bel mezzo della guerra di secessione, Abramo Lincoln proclamò la celebrazione del giorno del Ringraziamento, che da quel momento diventò una festa annuale e perse gradualmente il suo contenuto cristiano.

I piatti più celebri e il famoso tacchino

Per gli americani, il Giorno del Ringraziamento resta la festa più importante dell’anno e cade sempre ogni quarto giovedì di Novembre con le famiglie, libere dagli impegni lavorativi, che si ritrovano attorno alla tavola gustando il famoso tacchino per ringraziare per ciò che si ha… E poi cornbread, il pane di mais, mashed potatoes, passando per lo yam e per la torta con le noci peacan.

Un vero e proprio momento di tregua dagli affanni quotidiani per ritrovare l’armonia e la serenità.

Sebbene si tratti di una ricorrenza a stelle e strisce, può senz’altro diventare un’ottima occasione per celebrare la gratitudine, atto universale e potentissimo che ci fa riflettere sulle nostre vite e concentrarci sulle cose belle che ci circondano quotidianamente. Numerosi i sapori da gustare in questa occasione.

I piatti a base di tacchino saranno da arricchire con le salse tradizionali come quella di ossicocco (a base di mirtillo palustre o cranberry) e accompagnate da diversi contorni tra cui le patate dolci condite con spezie, burro e aromi.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405