Prodotti tipici locali: lo Slattato della Valmarecchia e Montefeltro

di Massimo Tommasini
0 commento
slattato(www.fontegranne.it)

slattatoLo Slattato è un formaggio fresco molle come lo stracchino tipico delle zone montane della Valmarecchia e del Montefeltro, la cui produzione è praticamente in via di estinzione o quasi, se non nelle famiglie contadine che praticano anche un po’ di allevamento.

La sua forma è rotonda; la crosta morbida e bianca e la pasta omogenea, bianca; il sapore leggermente acidulo.

Slattato, la lavorazione

La lavorazione dello Slattato prevede il raffreddamento di qualche grado del latte vaccino intero appena munto aggiungendovi il caglio; dopo circa mezzora la cagliata si rompe in grumi finissimi, che vengono quindi fatti addensare con il calore delle mani, depositandola poi nelle forme.

SlattatoPressatura e salatura a secco sono le operazioni seguenti, quindi dopo due giorni, il sale in eccesso viene rimosso e le forme passate nel siero a 95 gradi, ben levigate in superficie e avvolte per breve tempo in un panno di cotone.

La maturazione del formaggio viene fatta in un ambiente fresco e umido in soli sette giorni; in alcune aree è tradizione avvolgere le forme in foglie di fico o di cavolo.

Un tempo lo Slattato veniva preparato in sostituzione delle caciotte miste a base di latte ovino e caprino quando, nel periodo invernale, capre e pecore erano gravide e il loro latte non era disponibile.

Lo Slattato nella tradizione locale

SlattatoAncora oggi viene prodotto nello stesso periodo con latte vaccino intero, proveniente da razze locali alimentate in pascoli estensivi, tramite foraggi, miscele di cereali e leguminose.

La tradizione richiede l’utilizzo di caldaie in rame a banda stagnata, perché consentono una diffusione del calore in maniera più omogenea e graduale, ed attrezzi in legno, gli strumenti di lavorazione ed i ripiani per la maturazione cioè, per favorire lo sviluppo di flore microbiche responsabili delle peculiarità del prodotto. Attualmente vengono anche utilizzati utensili e attrezzature in materiali più moderni.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405