Prodotti tipici locali: le ferratelle abruzzesi

di Massimo Tommasini
0 commento
ferratelle

ferratelleLa ferratella è un dolce tipicamente abruzzese, che assume nomi diversi a seconda delle zone di produzione.

Il suo nome deriva dallo strumento utilizzato per cucinarla, una doppia piastra arroventata sul fuoco che stringendo la pasta sopra e sotto, dà al dolce la forma caratteristica di cialda percorsa da nervature.

ferratelle(ilsorrisovienmangiando.blogspot.com)Questi dolci sono nati nelle ricche famiglie abruzzesi che li cuocevano nei cosiddetti “ferri”, arnese caratteristico formato da due piastre e due lunghi manici a tenaglia; spesso le famiglie importanti li personalizzavano facendoli forgiare con lo stemma del loro casato o le loro iniziali.

Oggi i ferri hanno assunto forme diverse, spesso artistiche, floreali, anche se quelli classici sono rettangolari; per esempio per la Festa di San Valentino ne sono state realizzate a forma di cuore, in modo da fare biscotti di questo formato; un tempo facevano addirittura parte della dote delle spose.

ferratelleIn pratica si tratta di un biscotto cotto che assume varie forme e disegni, a seconda di quelle che hanno le varie tipologie di piastre; appartengono alla famiglia delle gaufres francesi o dei waffles anglosassoni, con una consistenza molto più sottile e croccante che le distingue dagli altri.

La preparazione

ferratellePer preparare le ferratelle serve farina, uova, zucchero, vino passito e spezie; la farina viene impastata con le uova, il vino passito e lo zucchero quindi si aggiungono le spezie un tempo piuttosto numerose ma oggi ridotte esclusivamente ai semi di anice.

Una volta preparato l’impasto, si fanno dei rotolini grossi come un dito ognuno dei quali viene sistemato sulla piastra inferiore già ben calda e unta con lo strutto, e stretto con la piastra superiore, lasciando cuocere per breve tempo prima di rivoltarla per cucinarne l’altro lato.

ferratelleQuando la ferratella assume un bel colore dorato è pronta e dev’essere tolta dalla piastra, che sarà pronta per un’altra cottura, proseguendo allo stesso modo fino ad esaurimento della pasta, ungendo con lo strutto di tanto in tanto il ferro.

In alcuni casi questo dolce viene arrotolato come un cannolo e riempito di marmellata d’uva, ma anche con cioccolata o crema pasticcera; a volte, soprattutto durante le feste patronali e nel periodo pasquale, si usano due ferratelle sovrapposte farcite nel mezzo.

Generalmente le ferratelle vengono prodotti in due versioni, una consistente e croccante, l’altra soffice e tenera.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405