Prodotti tipici locali: la Scafata, piatto tipico dell’Umbria

di Massimo Tommasini
0 commento

La Scafata è una pietanza antica del territorio umbro, caratteristico della semplice cucina contadina realizzato con prodotti del territorio.

Si tratta di una minestra che veniva preparata in primavera, usando verdure fresche come fave, cipollotti, pomodori e finocchietto con pancetta a dadini.

La Scafata, chiamata anche baggiana, che deriva il suo nome da “scafo”, un termine dialettale per indicare il baccello della fava, era la versione “povera” della classica zuppa di verdure, che comprende molti più prodotti dell’orto, anche se più saporita per l’aggiunta della pancetta.

La sua preparazione prevede che vengano brevemente scottate le fave in abbondante acqua salata, poi sgocciolate per far loro mantenere bel colore verde brillante.

Quindi si taglia il guanciale o la pancetta a dadini, si affettano i cipollotti, i pomodori, le bietole, ed il finocchietto; si fa soffriggere la carne del maiale in una casseruola, possibilmente di coccio, con i cipollotti ed il finocchietto, con alcuni cucchiai d’olio; le fave e le bietole vanno aggiunte dopo qualche minuto.

A questo punto si lascia cuocere a fuoco basso con il coperchio aggiungendo dopo una decina di minuti i pomodori, con un pizzico di sale e di pepe e continuando la cottura per altri dieci minuti circa, comunque finché le fave saranno cotte, aggiungendo se necessario dell’acqua bollente; prima di servire, la Scafata umbra viene aromatizzata con foglie di mentuccia spezzettate.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405