Prodotti tipici locali: la Prescinseua della Riviera ligure di Ponente

di Massimo Tommasini
0 commento
Prescinseua

focaccia ligure con PrescinseuaLa Prescinseua è un formaggio fresco, leggermente acidulo, di origini antichissime, che è un componente essenziale della nota “focaccia di Recco” e della tipica “Torta Pasqualina” della gastronomia ligure.

Il suo nome deriva dal termine genovese presû che significa caglio; in epoca medioevale una legge indicava la Prescinseua come l’unico omaggio che i genovesi potevano fare ai Dogi perché, a differenza di altri, ritenuti “pesanti e di non facile digestione”, era da ritenersi un cibo leggero e facilmente digeribile.

Una ricetta tradizionale

prescinseuaLa ricetta tradizionale per preparare la Prescinseua del territorio della provincia di Savona dice che ci vogliono 3/4 di litro di latte crudo dell’appennino, 1/4 di litro di panna fresca e 5 grammi di caglio.

Il latte va lasciato riposare in una pentola per 48 ore, poi ne va messo un quarto in un altro contenitore e riscaldato a 40-50°; a questo punto si aggiunge il caglio mescolando molto bene; quindi si unisce il latte e caglio al restante latte lasciando riposare per 4 ore.

prescinseuaSi formerà così una cagliata a fiocchi molto piccoli, che va estratta con una schiumarola a trama fine e messa a scolare in una fuscella per circa 1/2 ora, prima di trasferirla in una ciotola aggiungendo, mescolando, la panna.

La difficoltà di conservazione e la scarsa produzione ne rendono inevitabile il consumo nelle aree di origine.

La Prescinseua è usata spesso nella composizione del ripieno dei “pansoti” e nei “ripieni liguri” per stemperare il gusto amarognolo delle biete o delle erbette, oppure per rendere la pietanza più delicata e digeribile.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405