Prodotti tipici locali: la Persicata della Val Camonica

di Massimo Tommasini
0 commento
Persicata della Val Camonica

La Persicata è una confettura solida tipica della pasticceria bresciana. Il nome deriva dal vocabolo dialettale “persech”, che significa appunto pesca.

pesche-di-collebeatoIntorno alla nascita di questa ricetta, la leggenda narra che una mamma di Collebeato volesse far recapitare al figlio in guerra le pesche del paese. Non potendo consegnare questi frutti freschi, decise di trasformarli in confettura e poi in gelatine, così da poter mantenere la loro dolcezza. Da qui nasce la Persicata, deliziose barrette di gelatina alla pesca.

Gli ingredienti per la sua preparazione sono solamente 1 kg di pesche di pasta bianca ben mature e molto tenere
 e zucchero q.b.

Persicata, la preparazione

Persicata-Dolci-della-LombardiaLavare accuratamente le pesche sotto un getto di acqua fredda corrente quindi immergetele per pochi attimi in abbondante acqua bollente per poterle pelare con facilità.

Pelarle, aprirle, togliere il nocciolo e passarle al setaccio, raccogliendone la polpa in un tegame non prima di averla pesata per poter stabilire le proporzioni dello zucchero da aggiungere; per ogni chilogrammo di polpa di pesche ci vogliono circa 800 g di zucchero.

persicataMettere il tegame sul fuoco moderato e, sempre mescolando con un cucchiaio di legno e quando la polpa di pesche avrà iniziato a bollire, aggiungervi lo zucchero a poco a poco.

Continuare a mescolare sempre con molta cura per non fare attaccare tenendo la fiamma molto bassa e dopo circa 10 minuti togliere dal fuoco la persicata e stenderla in una teglia molto bassa in maniera che lo spessore non superi i 2 o 3 centimetri, lasciandola raffreddare e riposare in ambiente caldo per circa 1 settimana. Dopo questo periodo la persicata va tagliata a fettine o quadratini sottili di circa 4 cm per lato e passati nello zucchero.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405