Prodotti tipici locali: la Burrida alla Casteddaia del cagliaritano

di Massimo Tommasini
0 commento
sa-burrida

sa-burridaLa Burrida alla Casteddaia è un’antica pietanza della tradizione popolare del sud dell’isola e cagliaritana in particolare, di probabile derivazione fenicia.

Un tempo apparteneva alla cucina povera, mentre oggi viene servita come prelibato antipasto di mare nei ristoranti tipici della costa, sia come secondo piatto che come antipasto

Si tratta di pesce marinato in una salsa bianca di aceto con noci, pinoli, cipolle, ed altri aromi, come alloro, sale e pepe; come pesce solitamente si usa il gattuccio di mare o il palombo, di cui si usa il fegatino per preparare la salsa.

Il pesce va spellato e svuotato delle interiora, tagliato a piccole listarelle e fatto bollire in acqua salata fin quando cambia colore, dopo di che si scola e si lascia raffreddare.

Una salsa davvero speciale

Burrida-pronta-Foto-di-Daniela-SerreliPer la salsa si deve tritare il fegato del pesce che va unito al trito di cipolle, alle noci ed all’aglio, precedentemente messe a soffriggere, continuandone la cottura sempre mescolando ed aggiungendo aceto.

Sistemata la salsa calda sul fondo di una terrina, si fanno quindi alcuni strati alternati con il pesce e foglie d’alloro; a questo punto si copre la Burrida e la si lascia raffreddare prima di metterla in frigorifero per almeno 24 ore.

Ha una durata anche di una settimana e acquista ancora maggior sapore dopo due tre giorni di marinatura.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405