Prodotti tipici locali: l’ Olio di Cartoceto, l’oro delle Marche

di Massimo Tommasini
0 commento
Olio di Cartoceto

Olio di CartocetoL’ Olio di Cartoceto, il primo olio ad avere la denominazione Dop nelle Marche, e tutt’ora l’unico, è un prodotto poco conosciuto al di fuori della zona di produzione.

Si tratta di un prodotto di ottima qualità, soprattutto grazie al microclima del posto, particolarmente favorevole a questa coltura, mitigato dalla presenza del mare e protetto dai venti freddi grazie ai rilievi appenninici.

OliviIn virtù di tali caratteristiche ambientali, cui si aggiungono quelle specifiche delle cultivar utilizzate, si ottiene un olio gentile, tendente al dolce, senza spunti piccanti e perfetto per accompagnare una cucina garbata e costituita da sapori delicati.

Le varietà coltivate sono principalmente il leccino, il frantoio, la ragiola, il pensolino e il moraiolo, utilizzate separatamente o attraverso una sapiente miscelatura nella preparazione dell’olio.

Olio di Cartoceto, la raccolta rigorosamente a mano.

OliveLe olive sono raccolte rigorosamente a mano o attraverso la pettinatura meccanica, mentre è bandita la bacchiatura, ovvero lo scuotimento dei rami con bastoni, tecnica che può danneggiare la struttura dell’oliva.

Il suo colore è verde intenso, con odore fruttato e gusto armonico ed è davvero ottimo servito o per il condimento di piatti delicati a base di pesce o verdure.

L’Olio di Cartoceto, detto anche “l’oro delle Marche”, è particolarmente adatto su crostini di pane o come condimento di piatti a base di pesce o verdure, ma anche per condire le carni, meglio se cotte in modo semplice e prive di intingoli o rosolature.

CartocetoIl piccolo borgo marchigiano in Provincia di Pesaro-Urbino, bagnato dal fiume Metauro, disposto a ventaglio sulle pendici di un colle, dedica annualmente al suo prodotto nel mese di novembre una frequentatissima mostra-mercato dell’Olio Dop che attira moltissimi visitatori anche da lontano e dove, oltre all’olio, trovano ampio gradimento anche i numerosissimi prodotti tipici del Montefeltro e delle Marche.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405