Piatti e prodotti tipici locali: dal Salento la Scuma di mari rracanata

di Massimo Tommasini
0 commento
Piatti e prodotti tipici locali: dal Salento la Scuma di mari rracanata

Piatti e prodotti tipici locali: dal Salento la Scuma di mari rracanataLa Scuma di mari è il nome di un prodotto ittico brindisino e salentino, conosciuto, seppur con nomi diversi come spesso succede per tanti prodotti, anche in quasi tutte le regioni costiere italiane.

Infatti sono noti come “Gianchetti” in Liguria, “Muccu” in Sicilia, “Bianchetti” in Calabria, o “Paranza” nelle Marche.

In pratica si tratta dei neonati di una qualità di pesce azzurro del mediterraneo, in particolare sardine, acciughe e rossetti, che viene pescato con speciali reti, in gergo ligure chiamate sciabegottu, simili alla rete a sciabica, ma con dimensioni più piccole, nei primi mesi dell’anno.

Il pesce azzurro del Mediterraneo

Piatti e prodotti tipici locali: dal Salento la Scuma di mari rracanataA causa della scarsità di prodotto pescato e delle restrizioni ritenute necessarie, il suo prezzo al mercato ittico è sempre piuttosto elevato; oggi se ne trova in commercio anche sotto forma di prodotto congelato.

La Scuma di mari rracanata della costa brindisina è un piatto tipico di mare abbastanza comune nei primi mesi dell’anno, quando questa varietà si può pescare.

Piatti e prodotti tipici locali: dal Salento la Scuma di mari rracanataPer farli si deve lavare il pesce con l’ausilio di un colino a maglie strette, poi si mette la Scuma di mari in un piatto fondo, si fa passare il pesce in un misto di sale, pepe, un filo d’olio, pecorino, parmigiano, prezzemolo ed una manciata di pangrattato.

Su un altro piatto sbattere un uovo nel quale si bagna delicatamente la Scuma che viene poi stesa in una teglia unta d’olio, ricoprendola con altro pecorino, parmigiano e pangrattato, infornandola a 180° per una decina di minuti, fin quando si nota la gratinatura superficiale.

In Liguria i Gianchetti, lo stesso pesce, vengono invece solo scottati in acqua e conditi con olio e limone, mentre nella cucina siciliana si fanno delle polpettine fritte con prezzemolo, uovo e farina.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405