Nuova Cantina Bolzano: l’inizio di una nuova era

di Massimo Tommasini
0 commento
Nuova Cantina Bolzano: l’inizio di una nuova era

Nuova Cantina Bolzano: l’inizio di una nuova eraE’ iniziata una nuova era per Cantina Bolzano: nei giorni scorsi sono state raccolte e conferite le ultime uve dell’eccezionale vendemmia 2018 che nel corso dei prossimi mesi si trasformeranno in vino per la prima volta nella nuova sede della Cantina.

Il nuovo edificio produttivo è il simbolo della produzione vinicola del capoluogo altoatesino ed è allo stesso tempo espressione di una costante ricerca della qualità in tutta la filiera. 



I viticoltori di Cantina Bolzano hanno terminato di consegnare le ultime uve della vendemmia 2018, una raccolta destinata ad entrare nella storia perché è la prima avvenuta interamente nella nuova sede.

Nuova Cantina Bolzano: l’inizio di una nuova eraSi può certamente parlare dell’alba di una nuova era; con il nuovo edificio facciamo un ulteriore passo in avanti verso la qualità e la sostenibilità“, ha affermato l‘enologo Stephan Filippi. Su una superficie di 20.000 metri quadrati, le uve raccolte con cura e rigorosamente a mano, possono essere lavorate nel modo più delicato e naturale possibile. Ciò è in parte dovuto al nuovo processo di produzione: “Consegnata nel punto più alto dell’edificio, l’uva segue un percorso dall’alto verso il basso nelle varie fasi di lavorazione, arrivando fino al magazzino per lo stoccaggio. Questo sistema riduce le movimentazioni meccaniche e garantisce una qualità del vino costantemente elevata“.

Il nuovo edificio è stato ottimizzato dal punto di vista energetico ed è stato costruito seguendo i rigidi standard CasaClimaWine®. “Sfruttiamo la temperatura stabile del terreno del pendio in cui è stata costruita la cantina per raffreddare naturalmente i locali sotterranei, in questo modo si risparmiano risorse preziose per noi e per l‘ambiente“, ha sottolineato Filippi.

Cantina Bolzano, vini emozionanti e in continua evoluzione

Nuova Cantina Bolzano: l’inizio di una nuova eraI vini matureranno per tutto l’autunno e l’inverno e, a partire dai primi mesi del 2019, sarà possibile trovare in commercio i primi vini nati nella nuova cantina.

Considerando il peso e l’aspetto degli acini al momento della raccolta, possiamo aspettarci un’annata ricca ed interessante, molto simile a quella di tre anni fa. La concentrazione di zuccheri è alta e i livelli di acidità sono ottimali, questo è possibile perché le nostre uve sono coltivate in aree di produzione oltre i 600 metri s.l.m.”, ha detto l’enologo, e rispetto allo scorso anno, la quantità di uva conferita è aumentata circa del 10%, ma le rese rimangono inferiori alla media italiana per preservare l’alta qualità della produzione”.

Cantina Bolzano, vini di qualità e pluripremiati

Nuova Cantina Bolzano: l’inizio di una nuova eraCon l’assegnazione della medaglia di platino ai “Decanter World Wine Awards” 2018 e l’ottenimento dei migliori punteggi nelle principali guide europee di settore, Cantina Bolzano è internazionalmente riconosciuta come produttrice di vini di alta qualità.

Tra i più recenti riconoscimenti i “3 bicchieri” del Gambero Rosso al Lagrein Riserva Taber, che per 19 anni dal 1996 compare nel Gotha dei migliori vini d’Italia.

Ogni giorno i 220 viticoltori soci della cantina, lavorano con grande dedizione e precisione sui ripidi pendii di Bolzano e dintorni ed hanno sempre a mente un obiettivo ben preciso: la massima qualità dell’uva“, ha detto Michael Bradlwarter, presidente di Cantina Bolzano, aggiungendo che l’inaugurazione ufficiale della nuova Cantina Bolzano è prevista per la primavera 2019 in concomitanza con il “Vinitaly” di Verona.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405