Negli Usa arriva lo Spoon River Gastronomico

di Massimo Tommasini
0 commento
cimitero americano

Una domanda (che spesso ci si pone in questi giorni): Come rendere meno tristi, freddi e monotoni i cimiteri? Come mantenere idealmente una qualche forma di rapporto tra i defunti e chi va ad omaggiarli? Bastano i consueti crisantemi?

ricetta-sulla-tomba-usa-E una premessa: noi Europei tendiamo a considerare (ed è un vero e proprio pregiudizio, ammettiamolo) il comportamento della classe media degli Stati Uniti all’interno di una griglia di cliché: superficialotti, ingenui, stravaganti. Ma nel contempo riconosciamo che in questa specie di “beata ignoranza” abiti anche una certa umana autenticità e una notevole dose di ingegnosità.

Una nuova moda sta investendo i cimiteri americani

ricetta-sulla-tomba-usa-Ecco la risposta alla domanda secondo lo spontaneo pragmatismo americano.  Una nuova moda sta investendo i cimiteri americani (soprattutto quelli della East Cost). Una specie di Spoon River Gastronomico. Sulle tombe, al posto delle solite frasi che ricorrono banalmente, sono incise (o anche appese) delle ricette mangerecce.

Molte persone infatti lasciano scritto nelle loro ultime volontà che sulla propria lapide appaia il loro piatto preferito (con tanto di dosi e procedimento). Si tratta per lo più di donne (quasi sempre bianche) che condividono post-mortem i propri segreti culinari. Moltissime sono ricette di dessert. Quasi tutte tramandate di generazione in generazione.

Le ricette sulle tombe USA

ricetta-sulla-tomba-usaLa Signora Naomi Miller-Dawson lascia nel cimitero di Brooklyn le istruzioni per realizzare i suoi “Spritz Cookies”. Bogan O’Neal ha fatto incidere sulla sua lapide a Washington la preparazione della “O’Neal’s Peach Cobbler”. Nello Utah la città di Logan ha aperto una nuova apposita ala del cimitero chiamata “Fudge Section”.

Rosie Grant dell’Università del Maryland sta studiando il fenomeno. Sono già in lavorazione ricettari che raccolgono questi manicaretti. E soprattutto siti e blog. Uno di questi è: @gostyarchive (su TikTok). Attecchirà anche da noi? Difficile dirlo….

Una cosa va comunque indubbiamente riconosciuta, si tratta di un modo molto poetico e creativo di intrattenere un visitatore (parente o semplice estraneo di passaggio) sulla propria tomba.

by Antonio Riello – Dagospia

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405