Le castagne di piccolo calibro? Diventano farina

di Massimo Tommasini
0 commento
castagne Valle Susa

farina-castagneI calibri più piccoli delle castagne non andranno più sprecati, ma diventeranno farina.

Nasce una nuova filiera in Valle Susa per andare a rispondere a un’esigenza di vari castanicoltori che, da molti anni, lamentavano un mercato poco attento alle castagne e ai marroni di piccolo calibro, sottopagati.

Un nuovo modello di sostenibilità e sviluppo per il territorio che sicuramente potrà poi essere emulato in altre zone del Piemonte e dell’Italia.

castagne valsusine piccolo calibroCapofila dell’iniziativa è il Mulino Valsusa che, dopo vari progetti avviati coinvolgendo gli agricoltori della Valle per tornare a coltivare zone montane e premontane abbandonate con antiche varietà di grani, guarda ora al frutto del castagno, coinvolgendo, anche in questo caso, produttori locali di castagne e marroni.

Massimiliano Spigolon

Massimiliano Spigolon

«Torniamo a fare qualcosa che è nella storia della Valle di Susa e dell’Italia. Produrre farina con calibri piccoli, una farina che si realizzava 150 anni fa – spiega Massimiliano Spigolon, anima del Mulino Valsusa, che ha sede in un mulino del 1800 recuperato a Bruzolo, l’unico antico mulino della Valle tornato in funzione – Sarà macinata a pietra: nasce su un’esigenza specifica espressa dal territorio».

Marroni cestaPer farla si è dovuto studiare, approfondire e riscoprire con i proprietari dei castagneti metodologie per essiccare e sbucciare le castagne, avviando così una nuova filiera di trasformazione. I produttori conferiranno al Mulino che trasformerà tutto in farina: l’idea è tutelare al massimo il territorio e, quindi, non saranno «accettate» castagne di altre zone, realizzando un prodotto 100 per cento Valle Susa.

Un prodotto antico ma anche nuovo, carico di profumi e di sapori, dal tipico color nocciola.

castagneto Valle SusaScomparsa per decenni dalle cucine italiane, la farina di castagne è ricca di fibre, proteine e vitamine, aiuta la flora batterica intestinale, combatte il colesterolo. Si utilizza per preparare svariate torte e biscotti, il celebre castagnaccio, ma anche crespelle, pasta fresca e gnocchi, frittelle e pancake, creme, panini.

L’obiettivo è ovviamente estendere e far crescere la filiera, coinvolgendo più produttori della Valle.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405