La Festa del Bacalà di Sandrigo diventa materia di studio all’Università di Padova

di Massimo Tommasini
0 commento

La Festa del Bacalà di Sandrigo (Vicenza) è protagonista come caso studio di La spinta gentile per un turismo sostenibile, corso di formazione Nudge My Tour dell’Università di Padova, che per la prima volta in Europa applica l’approccio comportamentale al settore del turismo.

A motivare la scelta la gestione efficace e responsabile della manifestazione, organizzata dalla Pro Sandrigo e arrivata quest’anno alla 35esima edizione, e l’intermediazione tra culture diverse che la caratterizza.

La Regione Veneto ha selezionato la nostra manifestazione per la grande organizzazione che la distingue, i rapporti di gemellaggio con il villaggio di Røst e più in generale per le relazioni, di natura anche commerciale, che intratteniamo con la Norvegia e per il nostro apporto nella creazione della Via Querinissima, l’itinerario storico-culturale che ripercorre il tragitto compiuto dal nobile veneziano Pietro Querini per rientrare a Venezia dalle Isole Lofoten attraverso 14 paesi europei – ha affermato Antonio Chemello, presidente della Pro Sandrigo – È un riconoscimento che ci rende orgogliosi e premia il nostro impegno a far conoscere quest’eccellenza che lega a doppio filo Sandrigo e più in generale la Provincia di Vicenza e la Regione Veneto con le terre e le tradizioni norvegesi”.

Il corso, a carattere gratuito, che terminerà domani, ha coinvolto come partner 7 atenei di 5 diversi Paesi europei, ed è stato frequentato in presenza e online, è rivolto a tutte quelle persone che lavorano nella pianificazione, gestione e promozione della destinazione e del turismo: professionisti, insegnanti, dirigenti, funzionari e dipendenti pubblici che operano nel settore, nello sviluppo sostenibile, nella cultura, nell’organizzazione di grandi eventi, nella polizia locale e nei trasporti, studenti interessati al tema del turismo o ad acquisire competenze in questo ambito. Nell’attuale contesto di grande cambiamento dovuto sia agli effetti della pandemia che alla crisi energetica è fondamentale che l’ecosistema turistico si impegni nella scelta di un modello più responsabile e sostenibile, all’interno del quale i programmi e le azioni siano realmente efficaci per ridurre l’impatto delle attività ad esso legate. A tal fine l’applicazione delle scienze comportamentali alle politiche locali, alla gestione dei flussi turistici, ai servizi e alle destinazioni può avere un enorme potenziale.

La proposta formativa ha voluto fornire informazioni sulle sfide legate al turismo sostenibile e approfondimenti sullo strumento del Nudge (“spinta gentile”), offrire una raccolta di esempi concreti sul turismo e una potenziale applicazione alla progettazione e gestione dei flussi turistici con le tecniche acquisite mediante il percorso di laboratorio e il lavoro di gruppo.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405