A tavola con Fosca: tempo di primavera, tempo di fave

di Fosca Maurizzi
0 commento
A tavola con Fosca - le fave

Le fave sono un alimento primaverile, croccante, fresco, delizioso; possono essere consumate sia crude, sia cotte e in abbinamento ad altre verdure stagionali, quali piselli e carciofi, profumate da un ciuffetto di mentuccia, oppure soffritte con un poco di cipolla o aglio con l’aggiunta di pancetta croccante e carciofi a spicchi.

Vengono inoltre essiccate per essere utilizzate nella stagione invernale per ottime zuppe o puree. Sono i legumi più coltivati in Sardegna dove rappresentano oltre il 50% della produzione di legumi dell’isola.

Sbucciare le fave e farle scrocchiare fra i denti, anche assaporandole con un buon formaggio stagionato, è un vero e proprio viaggio nei tempi passati. Condividere i baccelli nel desco ha il sapore dei campi, del sole e del convivium.

Piante di fave

Piante di fave

Proprietà

Le loro molteplici proprietà (sono ricche di carboidrati, di proteine, di ferro e di vitamine, praticamente non contengono grassi) unite al basso costo ne determinarono in passato l’abbondante consumo presso i contadini e le popolazioni povere del mezzogiorno; da qui la molteplicità di preparazioni culinarie.

Tutto il nostro sud, infatti, abbonda di ricette con le fave; dalla Sicilia alla Calabria, dalla Sardegna alla Puglia i piatti della tradizione ne contemplano numerosi usi.

Purtroppo alcuni individui, a causa di un difetto genetico, non sono in grado di metabolizzarle e soffrono di Favismo, una forma di grave anemia diffusa soprattutto nel Sud e nelle isole. Per questi soggetti l’assunzione di questi legumi può essere letale.

Le origini di questi legumi si perdono nella notte dei tempi ma si ha notizia del loro consumo già presso i Greci e i Romani.

Fave fra leggenda e realtà

Narra la leggenda che l’assunzione delle Fave fosse proibita nell’Antica Grecia. Pitagora e i suoi seguaci credevano che mettessero in comunicazione l’Ade e il mondo dei vivi: attraverso la fioritura delle fave, le anime sarebbero risalite sulla Terra dall’aldilà. Un’ipotesi avvalorata dal fatto che erano utilizzate nei rituali del culto dei morti.

A questo proposito è interessante il legame con la Romagna dove, durante il periodo di Ognissanti, si consumano dolcetti chiamati Le fave dei Morti.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405