Di Porto in Porto: la Cucina del Pesce dell’Alto Adriatico

di Fosca Maurizzi
0 commento
Di Porto in Porto-mare- alici

Di Porto in Porto: evento zero

il primo Congresso Itinerante per la conoscenza e l’utilizzo consapevole del pesce dell’Alto Adriatico si è svolto a Cesenatico, nella bella sede del Museo della Marineria.

Di Porto in Porto-mare-Cesenatico- asta del pesce

La Città della Gastronomia ha ospitato la prima edizione della manifestazione “di Porto in Porto”, un progetto promosso da CheftoChef, che ha coinvolto Istituzioni, chef, ricercatori, formatori, comunicatori e ovviamente pescatori, artigiani, trasformatori e distributori di pesce.

Di Porto in Porto-mare-Cesenatico-

Di Porto in Porto-mare-Cesenatico-

Pesce e biodiversità

Il convegno, dal titolo “Il pesce dell’Alto Adriatico ha qualità straordinarie e una grande biodiversità”, è stato condotto da Alice Tognacci, curatrice dei programmi di cucina RSI – Radiotelevisione Svizzera di lingua Italiana.

01_Crudo di muggine in carpione _Borroni_Foto Marco Parollo – Les Bompart Produzioni

Alla tavola rotonda sono intervenuti il Sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli, il responsabile del progetto per CheftoChef Omar Casali, il Presidente e Sindaco di Polesine-Zibello Massimo Spigaroli, il Responsabile Servizio Attività faunistico-venatoria e pesca della Regione Emilia-Romagna Vittorio Elio Manduca, il biologo marino Corrado Piccinetti, gli imprenditori Cesenaticensi Maurizio Cialotti e Roberto Casali e la cuoca Maria Grazia Soncini.

02_Sandwich di sogliola spinaci funghi e lampone – Succi_ Foto Marco Parollo – Les Bompart Produzioni

Il progetto è teso a recuperare l’identità dell’Adriatico e ad avvicinare il consumatore al mondo del mare, informandolo sulla tracciabilità e trasparenza.

Fritto-di-moleca-e-gambarella-polenta-bianca-lattuga-di-mare-_-SOncini_-Foto-Marco-Parollo-Les-Bompart-Produzioni.

Fritto-di-moleca-e-gambarella-polenta-bianca-lattuga-di-mare-_-SOncini_-Foto-Marco-Parollo-Les-Bompart-Produzioni.

Per fare ciò, fra l’altro, è necessario promuovere l’unicità della diversità biologica del mare attraverso una sensibilizzazione atta a coniugare gastronomia, territorio e turismo, restituendo al pesce la dignità e riconoscibilità che gli spetta.

04_Passatelli brodo di porcini e tabacco canocchie alla brace _ Ciotti_ Foto Marco Parollo – Les Bompart Produzioni

La giornata ricca di contenuti si è conclusa con una cena al ristorante Maré, dal titolo “I territori delle acque”.

05_Lasagnetta con anguillla erbe spontanee e piccoli ortaggi _Spigaroli _ Foto Marco Parollo - Les Bompart Produzioni

05_Lasagnetta con anguillla erbe spontanee e piccoli ortaggi _Spigaroli _ Foto Marco Parollo – Les Bompart Produzioni

Qui, sei chef emiliano-romagnoli hanno proposto piatti che spaziavano dal “Crudo di muggine in carpione” dello Chef Mattia Borroni (Alexander di Ravenna), al “Sandwich di sogliola, spinaci, funghi e lampone”, proposto da Silver Succi (Quartopiano di Rimini), alla tripla proposta stellata di Maria Grazia Soncini (La Capanna di Eraclito di Codigoro) “Fritto di moleca e gamberetti, polenta bianca, lattuga di mare”.

06_Cotechino di seppia con lenticchie e ceci neri_Casali _ Foto Marco Parollo - Les Bompart Produzioni

06_Cotechino di seppia con lenticchie e ceci neri_Casali _ Foto Marco Parollo – Les Bompart Produzioni

Poi Stefano Ciotti (Nostrano di Pesaro) con “Passatelli, brodo di porcini e tabacco, canocchie alla brace”, Massimo Spigaroli (Antica Corte Pallavicina di Polesine-Zibello) con “Lasagnetta con anguilla, erbe spontanee e piccoli ortaggi” e per finire il padrone di casa del Maré, lo chef Omar Casali, con il “Cotechino di seppie con lenticchie e ceci neri”. A loro si è aggiunto lo chef Gianfranco Pascucci del ristorante al Porticciolo di Fiumicino che, durante la mattinata, aveva partecipato ad uno show-cooking al Museo della Marineria.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405