Città, paesi e borghi: Scoppito, il paese del Mammuth e delle transumanze

di Massimo Tommasini
0 commento
Scoppito

ScoppitoNella conca aquilana, sovrastato dal monte Calvo c’è Scoppito, cittadina di poco più di 3000 abitanti, che ha subito ingenti danni nel terremoto che ha colpito la regione una decina di anni fa ed i cui segni sono ancora ben evidenti, anche se molto è stato fatto.

Il paese è famoso per una scoperta archeologica straordinaria: il fossile di un mammuth, esposto ora al Museo Nazionale d’Abruzzo a L’Aquila.

Dal borgo, in pratica un comune diffuso formato da una dozzina di frazioni, la vista che si gode sulle principali vette appenniche, dal Gran Sasso al Monte Velino, fino all’Altopiano delle Rocche, è grandiosa.

transumanzaFin dall’antichità il paese è stato un punto di passaggio nord-sud, una cerniere tra genti e culture diverse; da qui partivano anche i sentieri delle transumanze che si inoltravano verso i territori pugliesi, che oggi si sta giustamente cercando di ripristinare e valorizzare a fini turistici.

Il territorio di Scoppito è legato alla presenza nella zona dei Sabini, probabilmente un popolo autoctono dell’Italia centrale, i quali, nella loro espansione, partendo dalle falde del Gran Sasso, conquistarono e fondarono altre città nella zona circostante.

ScoppitoSuccessivamente, in epoca romana e quindi medioevale, l’insediamento intreccia le sue vicende con quelle delle altre città delle montagne e colline dell’entroterra abruzzese, senza discostarsi dalla storia che ha caratterizzato questo territorio.

Nel corso della sua storia, Scoppito ha conosciuto i fenomeni e le problematiche tipiche delle zone interne, le difficilissime condizioni di vita della sua popolazione, la povertà e l’emigrazione, che si è interrotta solo pochi decenni fa con una forte industrializzazione del territorio, che ha portato miglioramenti e benessere diffuso a livello economico e sociale.

La chiesa parrocchiale del paese è intitolata a San Giacomo, mentre poco fuori dal borgo c’è quella duecentesca di San Bartolomeo, probabilmente sorta come pieve al servizio dei diversi gruppi di case che sorgevano sul versante della montagna.

ScoppitoAltre chiesette rurali sono la millenaria San Valentino, ormai inglobata nell’abitato di Scoppito, e Sant’Andrea, del XIII secolo, di cui rimangono i ruderi nei pressi della frazione Casale.

La montagna che sovrasta l’abitato di Scoppito è costituita da un esteso altopiano chiamato Fiatavento e Soffiavento, caratterizzato appunto da una forte ventosità, con diverse piccole vallate, spesso coltivate, delimitate da dossi e bassi rilievi.

A delimitare l’altopiano si possono ammirare le rocce delle “tùrri che, assumendo forme strane e particolari, interrompono la monotona continuità delle pendici meridionali di Fiatavento.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405