Città, paesi e borghi: San Miniato, la città del tartufo bianco

di Massimo Tommasini
0 commento
San Miniato

san miniato (montuolo.it)Nel cuore della Toscana, a metà strada tra Firenze e Pisa, in posizione strategica su un colle che guarda il placido scorrere dell’Arno, c’è San Miniato, paese di quasi 30.000 abitanti, famosa per la lavorazione del cuoio e per i tartufi.

La zona fu abitata da popolazioni etrusco-romane, ma il nucleo originario è longobardo e prende il nome dalla chiesa che questi vi eressero, dedicata all’omonimo martire cristiano; il borgo fu successivamente fatto costruire dall’imperatore Federico II tanto che finì per essere indicato come San Miniato al Tedesco.

Data la sua posizione, fu al centro di innumerevoli lotte per il potere per tutto il periodo medioevale e rinascimentale; rimase nell’orbita fiorentina fino al periodo fascista, quando venne accorpata, non senza polemiche, alla provincia di Pisa.

Tanto da vedere a San Miniato

sanminiato (tuscany-charming.it)Molte vestigia del passato si sono conservate fino ad oggi; tra queste la duecentesca torre di Federico II, sulla sommità del colle, che costituisce l’elemento più importante del centro storico sanminiatese.

Duecentesco anche l’oratorio del Loretino, con all’interno notevoli opere d’arte tre, quattro e cinquecentesche, così come la Cattedrale, costruita su una precedente chiesa del 700, della quale restano, inseriti nella facciata, il leone rampante, una mensola, un labirinto e la maschera demoniaca.

san_miniato (memorieincammino.wordpress.com)La chiesa, chiusa al culto nel trecento per oltre un secolo dai Fiorentini che l’avevano adibita ad armeria, fu poi riaperta, ristrutturata e collegata alla torre di Matilde che divenne il campanile e nel ‘600 divenne la Cattedrale di San Miniato.

SanminiatoseminarioAltri edifici interessanti del paese sono il Conservatorio di Santa Chiara, del XIII secolo, che conserva alcune parti originarie in cotto, quali il campanile e l’ex sagrestia; il Palazzo del Seminario, sorto in un’area dove si trovavano case e botteghe addossate alle mura castellane; il trecentesco Palazzo Comunale, situato di fronte alla chiesa del Santissimo Crocifisso, costruita per ospitare un crocifisso al quale i sanminiatesi attribuivano la protezione dall’epidemia della peste del 1631.

san miniato piazzaParticolare e caratteristica è la centralissima Piazza Bonaparte, di forma triangolare, abbellita al centro dalla statua del Granduca Leopoldo II, detto “Canapone”, per secoli sede del mercato settimanale tanto da essere conosciuta in città come la “piazza dei polli”.

Piazza Bonaparte è circondata da palazzi rinascimentali costruiti da alcune delle famiglie nobili di San Miniato e conservano tutt’oggi l’antica facciata originaria.

La Mostra Mercato del Tartufo Bianco

san-miniato-fiera-tartufo-piazza-seminarioDiversi gli eventi che si organizzano in città, a partire dalle due edizioni annuali della Mostra Mercato del Tartufo Bianco, vanto di San Miniato, che riempie le vie e le piazze della città di moltissima gente, così come le manifestazioni analoghe che si svolgono nelle sue frazioni di Corazzano, di Balconevisi e di Cigoli.

Anche la Festa dei Fuochi di San Giovanni e quella degli Aquiloni, che si svolgono nel prato del Castello federiciano, così come le tante iniziative legate alle festività religiose, sono occasione d’incontro per migliaia di persone che salgono sul colle anche per trovare i tanti prodotti tipici locali, dai manufatti di cuoio, specialità di San Miniato, a quelli dell’agricoltura, come il pomodoro grinzoso, il carciofo sanminiatese e l’oliva mignola.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405