Città, paesi e borghi: Isola di Fondra, il borgo diffuso della val Brembana

di Massimo Tommasini
0 commento
fondra(valbrembanaweb.it)

Isola-di-FondraNella bergamasca Val Brembana, tra il fondovalle e le pendici del monte Torcola, troviamo il comune di Isola di Fondra, un borgo diffuso tra alcune frazioni che fra tutte fanno meno di 200 abitanti.

Le di frazioni principali sono quelle di fondovalle, mentre quelle sul monte sono praticamente residenze estive, ad esclusione di Pusdosso, dove alcune persone continuano a vivere, in un ambiente rurale e montano difficile, ma suggestivo e bellissimo.

Fondra-(wikimedia.org)Sono borghi che ci sono formati tra il 1100 ed il 1300, all’epoca delle invasioni barbariche, anche se in precedenza i Romani vi si erano insediati per sfruttare i giacimenti di rame del territorio e per la sua lavorazione, dal quale potrebbe derivare anche il nome del borgo, da “fondere”, appunto.

Scarse le notizie dell’epoca medioevale, quando la popolazione era dedicata prevalentemente alla pastorizia ed all’agricoltura; nel 1500 si sviluppò l’attività estrattiva, del rame, allargata anche al ferro ed al piombo, alla pirite ed all’argento, con le relative fucine e lavorazioni, che venivano esportate anche fuori della val Brembana.

Il successivo periodo della dominazione asburgica, che impose pesanti dazi e tassazioni, affossò questo tipo di industria, che non si riprese più, causando povertà ed esodi verso la pianura padana e l’estero.

fondra-cascata

Soltanto negli ultimi decenni ha cominciato a prendere sempre più piede l’industria del turismo, che sta risollevando il borgo dopo un periodo di lento ed inesorabile spopolamento.

Il borgo di Pusdosso, ad un migliaio di metri slm, è particolarmente caratteristico, con la chiesetta dei Santi Valentino e Pantaleone, le solide case di pietra addossate le une alle altre e, più distanti, le stalle.

Il paese è raggiungibile solo a piedi; la strada si ferma al borgo sottostante di Cornelli e per il trasporto di materiali o emergenze sanitarie, si usa una teleferica o gli elicotteri.

fondra_chiesaA Pusdosso c’è la piccola chiesa parrocchiale quattrocentesca di San Lorenzo, ristrutturata più volte nei secoli seguenti, quando furono anche ritrovati una necropoli altomedioevale ed una fortificazione d’epoca romana.

L’intero territorio, immerso nel verde, offre numerose possibilità di escursioni adatte ad ogni esigenza con grandi prati e boschi, oltre che tra un borgo e l’altro, dov’è possibile trovarsi di fronte a case in pietra e chiesette che risalgono ad oltre cinque-seicento anni fa.

pusdosso-castagnataI boschi intorno circostanti sono ricchi di castagni i cui frutti un tempo costituivano una risorsa alimentare importante per la popolazione ed anche oggi molti valligiani in autunno vi si inoltrano per raccoglierle e partecipano numerosissimi alla Sagra delle Castagne che si svolge annualmente a Pusdosso.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405