Città, paesi e borghi d’Italia: Fiastra, il “comune sparso” nei Sibillini

di Massimo Tommasini
0 commento
Città, paesi e borghi d’Italia: Fiastra, il “comune sparso” nei Sibillini

Città, paesi e borghi d’Italia: Fiastra, il “comune sparso” nei SibilliniAll’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, nella parte marchigiana della provincia di Macerata, c’è Fiastra, un bellissimo e piccolo borgo di circa 600 anime nella vallata del fiume Fiastrone.

Il suo territorio è ricco di storia, ma anche di beni artistici e naturalistici, uno dei quali è il lago artificiale su cui il borgo si specchia, circondato dal bosco.

Città, paesi e borghi d’Italia: Fiastra, il “comune sparso” nei SibilliniIn realtà Fiastra è un “comune sparso”, fatto cioè di frazioni e piccolissimi villaggi disseminati nelle colline circostanti, su un territorio ricco di acqua, di boschi, di pascoli, di fauna e di flora, luoghi poco noti, spesso fuori dai tradizionali itinerari turistici, che tuttavia conservano dei veri e propri gioielli artistici e paesaggistici.

Una storia che viene da lontano

La storia di Fiastra parte da molto lontano, probabilmente dal neolitico e successivamente divenne un possedimento romano; in epoca medioevale il borgo diviene feudo di diverse casate nobiliari fin tanto che finisce sotto il dominio dello Stato Pontificio, a metà del ‘500. Di quell’epoca sono rimasti gli impianti urbani dei vari villaggi, ognuno con il suo castello, la sua pieve, le sue case medioevali.

La più fiorente attività della vallata del Fiastrone, praticata dal medioevo fino agli inizi del novecento, era la lavorazione di lana, canapa e lino con cui si realizzavano manifatture conosciute in Italia ed all’estero.

Città, paesi e borghi d’Italia: Fiastra, il “comune sparso” nei SibilliniNel borgo di Fiastra si erge maestoso sul colle di San Paolo il Castello con le sue mura parzialmente demolite e due delle sette torri originali, dove le popolazioni della valle trovavano rifugio per sé e per il bestiame e le derrate, in caso di incursioni nemiche.

Accanto c’è la chiesa abbaziale di struttura romanica a tre navate, risale al X secolo che, nonostante i vari rifacimenti dei secoli successivi, ha mantenuto i caratteri originari della costruzione.

Città, paesi e borghi d’Italia: Fiastra, il “comune sparso” nei SibilliniNei pressi del borgo c’è il lago artificiale di Fiastra, per la produzione di energia idroelettrica il quale, grazie alla sua bellissima posizione, tra monti e boschi, attira ogni anno molti turisti, soprattutto d’estate.

Turisti che vagano alla scoperta delle vette circostanti, lungo i pendii boscosi, nelle strette e selvagge valli, fino alle colline, coltivate e cosparse di piccoli villaggi che circondano lo specchio d’acqua del lago.

Fiastra, la millenaria abbazia

Città, paesi e borghi d’Italia: Fiastra, il “comune sparso” nei SibilliniNon distante c’è anche la millenaria abbazia di Fiastra, il più importante edificio monastico delle Marche, fondata da monaci cistercensi, fautori anche di una imponente opera di bonifica del territorio, allora paludoso, boscoso e infestato da belve feroci.

Nei secoli successivi i monaci cistercensi organizzarono il territorio dell’Abbazia in “grange”, le aziende agricole dell’epoca, favorendo le coltivazioni dei campi e le attività artigianali, facendole diventare centri economici, fiorenti ed autonomi, acquisendo al contempo ricchezza, potere e nuovi territori da amministrare, fino ad allargare la loro sfera d’influenza anche nelle attività marittime, mercantili, creditizie e culturali.

Città, paesi e borghi d’Italia: Fiastra, il “comune sparso” nei SibilliniIn epoca rinascimentale il complesso è stato parzialmente saccheggiato, distrutto e quindi anche ricostruito con una serie di edifici che completavano la struttura monastica: la sala del capitolo, l’auditorium, lo scriptorium, il dormitorio, sostituito in parte dal neoclassico Palazzo Bandini, la Sala delle oliere, il Refettorio dei conversi e il Cellarium.

L’abbazia è stata per lunghi secoli il centro civile e religioso di questo territorio caratterizzato da piccoli centri abitati che hanno sempre avuto rapporti più o meno stretti con il monastero; oggi l’Abbazia è proprietà pubblica inserita nella Riserva Naturale dell’Abbazia di Fiastra, che gode anche della salvaguardia del WWF.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405