Cecchetto e Aipd: tutto pronto per l’imbottigliamento del Raboso solidale

di Massimo Tommasini
0 commento
Raboso solidale

Raboso solidaleDomattina i ragazzi dell’Associazione Italiana Persone Down (AIPD) – sez. Marca Trevigiana torneranno presso l’azienda vitivinicola Cecchetto per imbottigliare il Raboso del Piave 2022 raccolto e pigiato durante la vendemmia dello scorso 15 ottobre. La produzione di quest’anno darà vita a circa 1500 bottiglie personalizzate da etichette disegnate e firmate dai ragazzi dell’AIPD, che presenteranno durante il prossimo Vinitaly allo stand della Regione Veneto.

La squadra d’imbottigliamento sarà composta da: Michele e Andrea al riempimento bottiglie, Matteo e Stefano alla capsulatrice, Michele alla tappatrice, Michael, Erika, Giulia e Antonella al banco dedicato all’etichettatura.

Azienda Agricola Cecchetto

Azienda Agricola Cecchetto

Diciotto vendemmie di Raboso del Piave con AIPD per diciotto annate in compagnia di ragazzi, famiglie e volontari incredibili – ha detto Giorgio Cecchetto –. Poter far parte di un progetto concreto e solidale che coinvolge l’intera comunità è per noi motivo di grande soddisfazione. Un impegno che non si ferma a una sola iniziativa ma che viene declinato sotto tutti i fronti della sostenibilità sociale, facendo impresa in maniera condivisa e inclusiva e non lasciando mai indietro nessuno”.

Raboso solidaleIl progetto, che si inserisce nelle attività di autonomia sociale di AIPD, esalta da un lato la forza e l’unicità del Raboso del Piave – solo vitigno autoctono a bacca rossa della Marca Trevigiana – nel creare momenti di aggregazione e condivisione con la collettività, dall’altro le particolarità, le tradizioni e la storia di un territorio capace di resistere alle avversità e reinventarsi puntando sulla tutela dell’ambiente e sul valore delle relazioni umane.

Anche quest’anno Amorim Cork Italia ha aderito all’iniziativa e sarà presente all’appuntamento donando i suoi tappi ai ragazzi, che potranno imbottigliare il Raboso del Piave 2022 con soluzioni di chiusura sostenibili e di qualità.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405