Canton Ticino: l’esotismo è così vicino

di Massimo Tommasini
0 commento
Cascata della Piumogna-Copyright Ticino Turismo - Foto Loreta Daulte

Voglia di scoprire il mondo… è una sensazione che chi ama viaggiare conosce bene. Per qualche tempo, però, trascorrere le vacanze in Paesi lontani sarà tutt’altro che facile.

Un’alternativa che non sia un semplice surrogato di un viaggio in una meta esotica può essere un soggiorno in Ticino, terra ricca di angoli che nulla hanno da invidiare ai luoghi più remoti del mondo, a due passi da casa nostra.

Con la ripresa di tutte le attività turistiche il 6 giugno 2020, Ticino Turismo ha lanciato la terza fase della sua campagna di marketing, intitolata “L’esotismo è così vicino”.

Il Triangolo delle Bermude… dietro l’angolo

High quality-Isole di Brissago-Copyright Ticino Turismo, Foto Alfonso Zirpoli, solo uso turistico , no commercialeCosa rende così speciali le paradisiache isole dei Caraibi? Ogni amante della natura risponderebbe: il clima subtropicale, le acque turchesi e la straordinaria ricchezza della flora. Ebbene, dallo specchio blu del Lago Maggiore fanno capolino le Isole di Brissago, le uniche in Svizzera su cui è possibile pernottare, 2,5 ettari di terra in cui prosperano circa 2.000 piante che di norma crescono solo in zone subtropicali e che in poche ore trascinano il visitatore in un viaggio attorno al mondo. Un paradiso naturale raggiungibile in pochi minuti di navigazione da Locarno, Ascona, Porto Ronco e Brissago. La villa in stile neoclassico che sorge sull’isola, fatta costruire da Max Emden, magnate tedesco dei grandi magazzini, ospita oggi un hotel con dieci camere, un ristorante e l’amministrazione del giardino botanico.

Il 27° Cantone: le Hawaii

High quality-Alpe Prou-Copyright by Switzerland Tourism - By-Line swiss-image.ch_Alessandra Meniconzi Fotografo AlessanLe Hawaii, con le loro lussureggianti foreste pluviali, sono senza dubbio una meta da sogno. Dall’altra parte del mondo, poco distante dal Lago Maggiore, la Valle Onsernone offre scorci e sensazioni del tutto simili. È considerata la valle più selvaggia del Ticino e si caratterizza per foreste vergini e profonde gole solcate dal fiume Isorno. Lontana dalle principali vie di comunicazione, è accessibile attraverso una strada che, curva dopo curva, vi si addentra per 22 km toccando una costellazione di incantevoli paesini. Oggi come un tempo, l’ambiente naturale incontaminato della valle è rifugio e fonte di ispirazione per scrittori del calibro di Max Frisch e Alfred Andersch, così come per artisti e persone alla ricerca di modi di vita alternativi. Un’ampia rete di sentieri ben segnalati ne fa, inoltre, la destinazione ideale per gli amanti di escursioni e passeggiate.

Muy rápido fino in Messico

High quality-Cascata della Piumogna-Copyright Ticino Turismo - Foto Loreta DaulteTra gli innumerevoli luoghi di interesse del Messico, occupano un posto speciale le molte splendide cascate, uno spettacolo di rara bellezza che in Ticino si ritrova nella cascata della Piumogna presso Faido. Qui, le impetuose acque del torrente si tuffano dopo un salto di 43 m in un bacino naturale che scintilla sotto i raggi del sole in un’infinità di sfumature turchesi. L’aria frizzante e la magica atmosfera lo rendono un luogo ideale per un picnic in famiglia all’ombra delle maestose cime che orlano la Leventina. Se ad attirare mamma e papà è soprattutto il pensiero di una rinfrescante nuotata nell’acqua poco profonda, i piccoli di casa pregustano il divertimento nel parco giochi poco distante.

Le Highlands a sud del San Gottardo

High quality-Castello Montebello-Copyrigth Switzerland Tourism - Foto Markus Buehler-RasomChi visita le Highlands è sempre a due passi dall’uno o dall’altro castello. Un po’ come a Bellinzona. La capitale del Canton Ticino conta, infatti, tre castelli, Castelgrande, Montebello e Sasso Corbaro, che figurano tra i più importanti esempi di architettura fortificata medievale dell’arco alpino. Un itinerario circolare di circa 5 km, ben segnalato, invita a fare un salto indietro nel tempo e offre l’opportunità ideale per esplorare le tre rocche e il centro storico della capitale cantonale. Nel 2000, i castelli di Bellinzona sono stati dichiarati patrimonio culturale dell’umanità dall’Unesco. A vent’anni di distanza, il meritato riconoscimento è commemorato in questi mesi con una molteplicità di eventi ed esposizioni.

La Rio de Janeiro sul Lago di Lugano

High quality-Luganese al tramonto-ENRICO BOGGIA l PHOTOGRAPHYIl Pan di Zucchero, dalla cui sommità si ha una veduta mozzafiato di Rio de Janeiro, è il simbolo della metropoli brasiliana. A detta di molti, anche il Ticino ha il suo Pan di Zucchero: è il Monte San Salvatore, il gigante sopra Lugano. Dalla cima, a 912 m s.l.m., lo sguardo si posa innanzitutto sulla città e sul lago, poi abbraccia un meraviglioso panorama a 360º. Proprio la posizione privilegiata sulle sponde dell’incantevole specchio d’acqua, il profilo inconfondibile del Monte San Salvatore e del Monte Brè, il clima mite e la rigogliosa vegetazione plasmano il carattere unico di Lugano. Qui, il viaggiatore venuto dal Nord si sente finalmente arrivato a Sud, nella terra del sole, delle palme e della dolce vita. Lugano conquista il visitatore con i suoi eleganti ristoranti e i vivaci caffè, con i suoi musei, le chiese e i parchi, con le sue raffinate boutique e gli accoglienti negozi. È un luogo ideale per giornate all’insegna del relax lontano dal tran tran quotidiano.

Attraverso il San Gottardo fino alla terra dei canguri

High quality-Monte Bar-By Switzerland Tourism - By-Line swiss-image.ch_Stefan SchlumpfFotografo Stefan SchlumpfIl volto forse più suggestivo dell’Australia si identifica con l’outback, un vasto territorio caratterizzato da spettacolari paesaggi che si estendono a perdita d’occhio, lontano dalle grandi città e dalle folle. Non meno remote e immacolate paiono la Val Capriasca e la Val Colla, note nel loro insieme come Valle di Lugano, a nord della città. Seppur poco distanti dal principale centro urbano del Cantone, sembrano lontane anni luce dall’incessante attività della vita cittadina. Attorno alla Val Colla, si snoda in cresta uno dei più bei percorsi per MTB del Ticino, la Lugano Bike. Contrassegnata dal n. 66, è perfetta per chi ama pedalare su sentieri solitari attraverso un paesaggio vario e interessante al cospetto di panorami mozzafiato.

Le 1001 meraviglie dell’Oman

High quality-Parco delle Gole della Breggia-Heinz StaffelbachChi non ha mai sentito parlare dei wadi dell’Oman e degli idilliaci corsi d’acqua, verde e cristallina, che si fanno strada tra le imponenti rocce? Senz’altro meno note delle oasi mediorientali, ma non per questo meno affascinanti, sono le Gole della Breggia, in Ticino, in cui i riflessi verdi e turchesi del fiume danzano sulle particolari formazioni rocciose che lo fiancheggiano. Primo geoparco della Svizzera, il Parco delle Gole della Breggia, nella bassa Valle di Muggio, è l’unico nel suo genere nell’intero arco alpino. Gli strati di roccia affiorati per effetto dell’incessante fluire del fiume coprono un arco temporale di oltre cento milioni di anni, documentandolo quasi senza lacune. Nella gola, lunga 1,5 km, serpeggia un sentiero che guida alla scoperta delle tracce di antichi oceani: fossili, resti di frane sottomarine e di eruzioni vulcaniche. Come se non bastasse, cammin facendo ci si imbatte in angoletti perfetti per un tuffo nelle profonde acque.

La Napa Valley a un tiro di schioppo

High quality-Tenimento dell'Or-Mendrisiotto Turismo_Jacques PerlerLa California è patria di una delle regioni vinicole più famose al mondo: la Napa Valley. La Svizzera ha il suo omologo: il Ticino. Perché nel mite clima ticinese si sviluppano vini molto speciali. Oltre l’80% delle viti coltivate nel Cantone danno uve Merlot, che vengono utilizzate per la produzione di bianchi fruttati e rossi dalla spiccata personalità, tra i migliori del Paese.Il 37% dei vini ticinesi nasce nel Mendrisiotto, il lembo più meridionale del Ticino, il cui paesaggio è caratterizzato da dolci colline ricoperte di fitti filari. Una meravigliosa passeggiata tra le vigne o una degustazione di vini in una delle rinomate cantine della regione sono destinate a trasformarsi in una delle esperienze più belle di un soggiorno nella zona.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405