Amorim Cork: quando il sughero incontra l’economia circolare

di Massimo Tommasini
0 commento
Amorim Cork

Amorim CorkTra i progetti premiati con il Technology Innovation Award durante Simei, il salone internazionale delle macchine per enologia e imbottigliamento di Unione Italiana Vini, c’è Naturity: una tecnologia che elimina più di centocinquanta composti volatili presenti nel sughero monopezzo che possono interferire con l’evoluzione del prodotto.

I vantaggi sono legati alla performance sensoriale del tappo in sughero monopezzo, ovvero quello originato da un singolo segmento di corteccia di sughero che, a monte della filiera, è stato valutato come perfetto.

Amorim CorkL’obiettivo è avvicinare sempre di più il comportamento di un sughero monopezzo a un tappo tecnico in sughero, potendo tuttavia contare sul valore aggiunto, a differenza di un tappo tecnico, di permettere un’evoluzione ottimale del vino in bottiglia invece di portarlo alla riduzione; fattore, questo, comune in tutti i tipi di tappi presenti nel mercato. Un altro obiettivo è, infine, diminuire il rischio di eterogeneità tra bottiglie.

Il gruppo Amorim nel mondo

 

Amorim CorkAmorim Cork Italia è la filiale italiana del Gruppo Amorim, leader nella produzione di tappi in sughero tecnici, con una solida rete tecnico-commerciale nella penisola, un efficace servizio di assistenza e un reparto Ricerca&Sviluppo all’avanguardia. La società, che ha sede a Conegliano (Treviso), da due anni ha completato una propria economia circolare grazie a Suber, linea di design nata dalla granina dei tappi raccolti dalle onlus del progetto Etico (della stessa Amorim) e riciclati. Con 70 dipendenti e 35 agenti nel 2021, Amorim Cork Italia ha registrato oltre 665 milioni di tappi venduti, per un fatturato di 70,5 milioni di euro. La crescita rispetto all’anno precedente è stata del 14,6% in volume e del 14,4% in valore.

 

Sostenibilità e innovazione tecnologica

 

Amorim CorkAmorim Cork Italia ha creato nuovi sistemi di lavorazione per i tappi tecnici in microgranina Xpür e Qork, che fanno della sostenibilità la loro principale ispirazione. Xpür, in particolare, consuma un quarto di energia con lo stesso livello di efficacia rispetto a quanto avveniva in passato e prevede l’utilizzo di solo il 10% della Co2 rispetto al suo diretto competitor in questo segmento. Inoltre, stiamo introducendo prodotti naturali nel nostro ciclo produttivo, come le colle naturali con uso esclusivo di polioli vegetali e olio di vinacciolo a fare da leganti, capace di stringere alleanze con vini di grande complessità. Infine, l’azienda lavora a creare dei processi tali per cui dove prima venivano usati prodotti chimici (ad esempio in fase di lubrificazione) ora si inseriscono prodotti a base di cere naturali.

 

Costi energetici e spinte inflazionistiche condizionano la produzione

 

Amorim CorkIn questa congiuntura è difficile agire. Al momento, l’elemento che l’azienda trevigiana sta cercando di controllare è quello dell’energia, scommettendo sempre di più sulle rinnovabili. Oggi, più di 2/3 del fabbisogno energetico aziendale deriva dalla bruciatura della polvere di sughero che risulta dai cicli di produzione. L’obiettivo è aumentare questo tipo di produzione energetica insieme alla produzione di energia elettrica, a partire dal fotovoltaico.

 

Gli effetti negativi del cambiamento climatico sul sughero

 

Amorim CorkIl cambio climatico non sta aiutando a livello di disponibilità della materia prima sughero; il caldo del 2022 non ha permesso la decortica di circa il 20% della materia prima, che è rimasta sull’albero, in virtù del fatto che non si riusciva a staccare. Come è noto, non si può forzare il distacco del sughero dell’albero per non compromettere la vita dell’albero stesso e, per Amorim, la sua tutela viene prima di ogni profitto.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405