Al via Agriumbria; l’Associazione Regionale Allevatori Umbria e Marche tra i protagonisti

di Massimo Tommasini
0 commento
Agriumbria

AgriumbriaSta per aprire la 54ma edizione di Agriumbria, che si terrà dal 31 marzo al 2 aprile 2023 negli spazi espositivi di Bastia Umbra (PG), che dopo i due anni di  stop dovuto alla pandemia, è destinata a registrare numeri da record.

Tra i partecipanti anche l’AAUM, l’Associazione Regionale Allevatori Umbria e Marche, che rivestirà un ruolo di primo piano per mettere al centro dell’attenzione il valore di tutte le specie e le razze in esposizione.

Per i nostri allevatori la partecipazione ad Agriumbria rappresenta il grande orgoglio di vedere i propri animali in mostra negli spazi di una manifestazione sempre più moderna, dove le razze di bovini da carne col mantello bianco sono le protagoniste indiscusse”, afferma Fabrizio Soro, presidente dell’Associazione.

AgriumbriaOltre alle razze bovine da carne a mantello bianco, Chianina, Romagnola, Maremmana, Marchigiana e Podolica, la rassegna accenderà i riflettori su altre importanti specie e razze che caratterizzano la zootecnia del Centro e Sud Italia e che godranno di un meritato palcoscenico. Infatti, grazie all’impegno organizzativo profuso da AAUM insieme all’Associazione Italiana Allevatori (AIA), ampio spazio sarà riservato alle bovine da latte di razza Frisona con la partecipazione di alcuni dei migliori esemplari appartenenti a quattro aziende umbre.

Fabrizio Soro, presidente dell’Associazione Allevatori Umbria e Marche

Fabrizio Soro, presidente dell’Associazione Allevatori Umbria e Marche

Sarà possibile assistere inoltre alla seconda edizione del Concorso nazionale di arieti della razza ovina Sarda iscritti al Libro Genealogico – continua Soro – a cui si aggiunge la Mostra ovicaprina con una cinquantina di capi di varie razze, quella dei suini di Cinta senese iscritti al Libro genealogico, l’esposizione  di cavalli e asini di diverse razze italiane a cui si unisce la Gara di giudizio che coinvolgerà gli studenti dei diversi  Istituti Agrari della regione. Non solo. Domenica 2 aprile, ultimo giorno di Agriumbria, si terrà un workshop sull’asciutta selettiva delle bovine da latte che AAUM ha organizzato in collaborazione con Anafibj, l’Istituto zooprofilattico sperimentale dell’Umbria e delle Marche e il Servizio di farmacosorveglianza dell’Asl Umbria 1. L’entusiasmo che ha caratterizzato tutta la fase preparatoria di questa importante rassegna è in parte la risposta agli attacchi che ormai con cadenza sistematica vengono rivolti al comparto zootecnico. Dalla promozione della carne sintetica all’equiparazione degli allevamenti alle aziende siderurgiche in materia di emissioni il nostro settore è diventato il bersaglio preferito di chi anziché informarsi e documentarsi su come stanno esattamente le cose preferisce fornire informazioni che di valenza scientifica non hanno nulla, e il cui unico scopo è quello di provare a minare un comparto produttivo importante per l’intera economia nazionale e baluardo di un patrimonio dove tradizione e innovazione riescono a sposarsi in un connubio perfetto. La tutela del territorio, la specificità di numerose produzioni agroalimentari, la salvaguardia della biodiversità sono solo alcuni degli aspetti che caratterizzano il nostro settore e ai quali noi garantiamo il massimo della nostra professionalità e delle nostre attenzioni. Dipingere gli allevatori e gli allevamenti come uno dei mali assoluti del pianeta è una falsità che noi possiamo e dobbiamo combattere con la forza dei dati scientifici su cui la nostra attività poggia le sue basi”.

AgriumbriaL’Associazione Regionale Allevatori Umbria e Marche  sta portando avanti una serie di iniziative di carattere formativo sul territorio che stanno incontrando il plauso degli allevatori, segno evidente che il bisogno e la voglia di stare al passo con l’evoluzione dei tempi sia in materia legislativa che di innovazione tecnologica, è molto sentita. AAUM, nel suo ruolo di referente tecnico degli allevatori, è pronta a rispondere a questi bisogni con i suoi servizi e le sue iniziative per una crescita professionale dei suoi associati e la tutela del settore.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405