Al Brindisi di Ferrara; un salto nel medioevo all’osteria più antica del mondo

di Massimo Tommasini
0 commento
Al Brindisi di Ferrara; un salto nel medioevo all'osteria più antica del mondo

Nella splendida Ferrara, autentico scrigno di bellezze architettoniche, esiste fin dal 1435 e forse prima l’osteria Al Brindisi, oggi enoteca con cucina.

Al Brindisi di Ferrara; un salto nel medioevo all'osteria più antica del mondo In circa seicento anni di vita il locale non ha subito radicali cambiamenti, secondo le mode delle varie epoche; al suo interno si respira ancora quell’atmosfera particolare che devono aver vissuto anche i tanti personaggi più o meno illustri che l’hanno frequentata in questo lungo lasso di tempo.

Al Brindisi, osteria senza tempo

Al Brindisi si trova in uno stretto vicolo a fianco alla cattedrale ferrarese; in epoca medioevale si chiamava “Hostaria del Chiucchiolino” e ci si poteva arrivare anche in barca.

Al Brindisi di Ferrara; un salto nel medioevo all'osteria più antica del mondo Oggi il locale, diventato enoteca, è di proprietà della famiglia Pellegrini che l’ha rilevato alla fine degli anni ’50; a Ferrara è ben noto ed è una meta ricercata dai turisti, ma anche un’abituale frequentazione di tanti ferraresi.

L’enoteca è gestita da Federico Pellegrini, oste non solo per tradizione, visto che lo erano già i nonni, ma soprattutto per vocazione.

Ai tavoli dell’antica osteria si sono seduti operai e artigiani delle varie epoche, bevendo e magari ubriacandosi accanto ai “vip” del tempo, come Benvenuto Cellini, Torquato Tasso, Ludovico Ariosto, Tiziano Vecellio, Nicolò Copernico e chissà quanti altri.

Al Brindisi, Locale Storico d’Italia

L’enoteca ferrarese, che ha cavalcato i secoli, oltre che nel ibro dei Guinness dei Primati, è anche uno dei Locali Storici d’Italia, e ci mancherebbe non fosse così, vista la sua storia pluricentenaria.

Al Brindisi di Ferrara; un salto nel medioevo all'osteria più antica del mondo Entrare all’interno di Al Brindisi è un’esperienza unica; sembra di fare un salto indietro nel tempo e di respirare la polvere sollevata dagli stivali dei tanti personaggi che l’hanno frequentato, assaporando i suoi vini, mangiando i suoi intingoli, dibattendo sui massimi sistemi e i misteri del mondo.

Al Brindisi oggi è un punto di riferimento e una tappa obbligata per i turisti che vengono a Ferrara, per ammirare la città e le sue mostre di Palazzo dei Diamanti.

Al Brindisi di Ferrara; un salto nel medioevo all'osteria più antica del mondo Qui c’è la possibilità di degustare i piatti della cucina ferrarese, come la salama e salamina da sugo, i cappellacci di zucca, il pasticcio di maccheroni, il salame all’aglio ed il Zia Ferrarese, la piadina di zucca e la coppia ferrarese, ma anche di trovare dei vini quasi introvabili altrove, come il Vermentino nero e Massaretta dalla Toscana, il Pignolo dal Friuli, Malbo gentile e Ancellotta dall’Emilia, Majere del Trentino, Pallagrello dalla Campania, Bosco Eliceo, solo per citarne alcuni, serviti anche al calice, negli happy hour e nelle ore serali, tanto che per i giovani e i tanti studenti universitari della città è diventato punto di riferimento della movida ferrarese.

Con il menu degustazione, composto da quattro portate, sono infatti proposti altrettanti vini, spesso vini prodotti con vitigni autoctoni, che l’oste-artista Federico cerca con appassionata ossessione.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405