A tavola con Fosca: la salsa di pomodoro

di Fosca Maurizzi
0 commento
Salsa di pomodoro

La salsa di pomodoro: il fordismo è semplice da realizzare.

Anche Sara Morucci, ricercatrice nei settori di idrologia, meteorologia marina ha deciso di partecipare a Deguscrivendo, progetto nato per narrare le sensazioni e i ricordi indotti dagli odori e dai sapori dei prodotti della nostra ricchissima enogastronomia.

E con questo breve racconto, ci ha donato garbo, introspezione e ricordi delicati e inalienabili…

Prendi una famiglia, riuniscila per un rito, assegna compiti e ruoli e la ricetta è pronta.

Ecco la catena di montaggio, fatta in casa. Questo è.
E questo eravamo noi, tutti presenti, tre generazioni riunite, per quell’evento straordinario, atteso, e desiderato che segnava l’inizio della nuova estate, delle vacanze. La salsa di pomodoro.

Tutto viveva nel giardino, immenso, di nonna Rosina, e orchestrato e diretto dalla perfezione di mio padre. Papà trita, mamma imbottiglia, assieme ai nonni, Massi (il fratello, lui è grande) alla tappatrice e io?

Salsa di pomodoro di Sara

Salsa di pomodoro di Sara

Sara tu metti la foglia di basilico. Ben lontana dall’angolo degli adulti, e dagli spazi del desiderio, mi sentivo un po’ come la bandierina di un campo di calcio, senza vento, ma comunque il pezzo di un mondo che creava, di un rito che viveva, di un evento che rinnovava.

E tutto questo è scolpito nel cervello, quello più antico, dove le emozioni si depositano e le sensazioni le accompagnano.

I momenti della risata che seguiva qualche errore, della stanchezza appagata alla sera, del caldo che esalta i profumi, del rito che diventa evento, e soprattutto tanti tanti tanti pomodori. Che sporcano di rosso intenso, che succhiano il sale.

L’odore indimenticabile della freschezza, pungente, del pomodoro spremuto.
La sensazione di bruciore alle mani per l’umido, acidulo.
Il sapore rubato col dito, immerso nella salsa, ancora cruda.

E tutto, condito dalla certezza che avremmo custodito, sempre, il ricordo nel pensiero.
Il sapore, nella pastasciutta.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405