A Cibus Parma la Perenzin Latteria ha lanciato i Caprini Via della Seta

di Massimo Tommasini
0 commento

E’ stato presentato in anteprima al Cibus di Parma, il Salone internazionale dell’alimentazione, da Perenzin Latteria il progetto Caprini Via della Seta.

Legare la propria terra e prodotti come l’uva, le olive e le noci che venivano scambiati fin dall’antichità lungo la Via della Seta, al celebre percorso che univa il nostro mondo con quello dell’Estremo Oriente.

L’azienda artigianale di San Pietro di Feletto, in provincia di Treviso, ha reso così omaggio a quattro delle sue migliori interpretazioni di formaggio di capra dove i profumi e i sapori di un territorio unico che va dalle Dolomiti ai boschi della Serenissima del Montello, dalle Colline del Prosecco Superiore al Piave fino alla Laguna di Venezia, si fondono con i tesori gastronomici di un tempo.

Caprini Via della Seta, un gusto unico

Vincitore di molti riconoscimenti come uno dei migliori formaggi dell’ultimo triennio, il Caprino affinato al Traminer è un prodotto che unisce il latte di capra che nasce dai pascoli del Veneto con l’uva Traminer delle Dolomiti del Trentino Alto Adige; dal sapore duraturo al palato, le vinacce conferiscono al formaggio un gusto dolce e rotondo.

E se dal Trentino Alto Adige proviene l’uva, è da Belluno che arriva il fieno biologico naturale che avvolge il caprino dal caratteristico aroma di erba asciugata al sole e della terra da cui nasce, e che annualmente rifornisce le stalle della Latteria.

Il Caprino affinato in fieno è un formaggio dal sapore deciso, avvolto da ciò che veniva utilizzato dai contadini del passato per nascondere dagli sguardi indiscreti del vicino le proprie prelibatezze.

C’è anche quello al pepe nero del Vietnam

Aggiungendo al latte di capra il pepe nero del Vietnam e un pregiato olio d’oliva, alimenti che venivano scambiati lungo la Via della Seta, l’azienda trevigiana ha “inventato” il Caprino affinato in pepe Tellicherry & olio extravergine d’oliva, un altro formaggio dal sapore forte e deciso, ma delicatamente speziato e piccante.

La tradizionale forma circolare, con i grani scuri a confezionarla, ha una croccante crosta che ne conserva intatto tutto il profumo.

Caprini Via della Seta, fatti con tecnica antica

A Cibus Parma la Perenzin Latteria ha lanciato i Caprini Via della SetaInfine ancora un ritorno all’antica tecnica di avvolgere il Caprino nelle foglie di noce, una metodologia che veniva usata per proteggere le forme di formaggio sia durante il loro lungo viaggio verso Oriente, sia durante il loro processo di stagionatura.

Allo stesso tempo, grazie alla presenza del tannino, le foglie proteggevano il prodotto dalla muffa. Il Caprino affinato in foglia di noce ha un corpo duro, ma facile da sciogliere e un gusto che richiama aromi di natura e foreste bagnate dalle piogge.

Perenzin Latteria creata centoventi anni fa da Domenico Perenzin, vede oggi la quarta generazione alla guida dell’azienda, con Emanuela Perenzin.

A Cibus Parma la Perenzin Latteria ha lanciato i Caprini Via della SetaDa sempre l’azienda lavora il latte di vacca, a cui si sono poi affiancati quello di capra e quello di bufala; la produzione, con 1,8 milioni di litri di latte lavorati ogni anno; 32 mila forme di formaggio fatto con latte di capra per il 54%, latte biologico per il 61%, dei quali il 20% destinato all’esportazione in Europa, Usa, Canada e Australia, comprende formaggi tradizionali e biologici, pluripremiati nei concorsi sia italiani che internazionali.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405