Colli Bolognesi vincenti anche nel packaging: premiata l’etichetta Gaggioli

di Gabriele Orsi
0 commento

I Colli Bolognesi si dimostrano all’avanguardia anche nell’innovazione per quanto riguarda il packaging delle proprie bottiglie: è infatti un’azienda vinicola di Zola Predosa, la cantina Gaggioli, ad aggiudicarsi il Premio Mediterraneo Packaging 2019.

Premiata l’etichetta dello spumante rosé “Letizia”

A meritare il riconoscimento è stata l’etichetta del “Letizia”, il nuovo spumante Rosato Brut che Carlo Gaggioli ha voluto dedicare alla figlia, da tanti anni sua collaboratrice e direttrice dell’Agriturismo Borgo delle Vigne, realizzata dall’amico Umberto Sgarzi, pittore e artista bolognese.

Uno spumante da bere “in Letizia”

Il Premio è stato consegnato da Francesco Turri, editore di EGNews, alla presenza di Davide Dall’Omo, sindaco di Zola Predosa, direttamente nelle mani di Carlo e Letizia Gaggioli.

Uno spumante dei Colli Bolognesi

Prodotto da uve Cabernet Sauvignon, Pinot Nero e Barbera, il “Letizia” Rosato Spumante Brut viene affinato due anni sui lieviti e ha un volume alcoolico del 10%. Dal profumo di frutta ed erbe aromatiche, è un piacevole aperitivo, diventa bevanda dissetante con succhi di pesca o frutti esotici e si abbina alla perfezione con piatti di pesce.

La cena tra crescentine e tortelli

Alla cerimonia della premiazione è seguita la cena dove, tra crescentine fritte accompagnate dai salumi di Franceschini e dai formaggi de I Piani e Gianni Colò, tortelli di patate con ricotta salata del Podere La Forca, roast beef con patate arrosto e zucchine ripiene, e sorbetto di cocomero, è stata presentata anche la nuova creazione dell’azienda Gaggioli.

Un Pignoletto “Fermo” ma Superiore

I grandissimi salumi di Franceschini

Si chiama “Fermo”, ed è un Pignoletto Colli Bolognesi Docg Superiore dalla gradazione di 12,5°: dal colore giallo paglierino dorato e dai sentori intensi di fiori – biancospino soprattutto – e frutti bianchi, la sua etichetta richiama le opere di Gino Pellegrini, straordinario scenografo e artista che, dopo avere lavorato con i più grandi registi di Hollywood come Martin Scorsese e Stanley Kubrick, scelse la Valsamoggia e i Colli Bolognesi come luogo di dimora.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405