AAA: Albergo Alle Alpi ad Alleghe

di Fosca Maurizzi
0 commento
Albergo Alle Alpi Alleghe

di Leonardo Felician

AAA: sembra un annuncio ma potrebbe essere una sigla. Oltre alla posizione e al calore dell’accoglienza, la ristorazione è uno dei punti di forza dell’Albergo alle Alpi di Alleghe, 30 comode camere nel centro del paese dolomitico.

Dopo un buffet a self service di verdure miste cotte e crude, la cena servita a tavola con il menù della mezza pensione offre l’imbarazzo della scelta: casunciei di ricotta e spinaci oppure con le rape rosse, spaghetti all’amatriciana o crema di zucca e patate.

Albergo Alle Alpi Dessert in tavola

Albergo Alle Alpi Dessert in tavola

Tra i secondi piatti pollo arrosto, pastin con polenta e funghi, cioè una specie salsiccia speziata tipica tra queste montagne, oppure un più classico prosciutto crudo con mozzarella.

Seguono poi i dessert: questa cucina tradizionale, con piatti semplici che una volta erano comuni e oggi invece sono spesso una sorpresa, è proporzionata alla clientela italiana e straniera, svedesi, inglesi, tedeschi e cechi in prevalenza, che frequenta l’albergo e non segue le mode.

Basata principalmente su carne, verdure, formaggi e salumi possibilmente a chilometro zero, l’offerta gastronomica non disdegna il pesce quando si tratta di trota o salmerino che sono pesci che si pescano nel lago.

Albergo Alle Alpi La sala da pranzo

Albergo Alle Alpi La sala da pranzo

L’équipe dell’albergo è formata da una decina di persone molto ben organizzate dirette da Fridolino Bernardi, ma l’attenzione per l’aspetto gastronomico è testimoniato da due cuochi, uno egiziano e uno siciliano, ma entrambi da lungo trapiantati nelle vallate alpine.

Albergo Alle Alpi La lobby con quadro

Albergo Alle Alpi La lobby con quadro

Di categoria tre stelle, l’Albergo alle Alpi è frequentato da molti stranieri e comoda sosta per chi percorre le vie delle Dolomiti: apre la stagione invernale a inizio dicembre per chiuderla a fine marzo, mentre la stagione estiva va da maggio a metà ottobre.

Nei mesi restanti, come in tutti gli alberghi stagionali, naturalmente si lavora per preparare la prossima stagione, ma soprattutto per la manutenzione e per i miglioramenti e rifacimenti sempre necessari in un albergo, in particolar modo in montagna.

You may also like

Lascia un commento

CHI SIAMO

Il bello e il buono dell’Italia tra i sentieri del sapere e dei sapori, la cultura dei territori, la loro identità. Un viaggio alla ricerca dei gusti nascosti, quelli che non trovi ovunque. Dove andare a mangiare, come arrivarci, cosa assaporare con la certezza di indovinare e dire di aver trovato i vini migliori, i prodotti di maggiore qualità e rappresentativi di un territorio. Un viaggio della leggerezza come espressione di culture, per scoprire il valore e le eccellenze della fertilità dei luoghi, il paesaggio, i segni territoriali, degustare i frutti del lavoro delle mani sapienti di uomini e donne che fanno dell’Italia un Paese unico al mondo. Un viaggio tra le architetture rurali, le cascine, le masserie, i sentieri, i borghi, dove riscoprire antichi segni territoriali. In poche parole, un punto di riferimento per chi ama muoversi imparando a conoscere le bellezze della natura e i prodotti più preziosi che ci offre la terra e il mare. Questo vuole essere VIAGGIATORI DEL GUSTO, il web magazine dedicato al turismo enogastronomico e non solo.

Testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale di Forlì, n° 10/2018.

Direttore Responsabile Massimo Tommasini: direttore@viaggiatoridelgusto.it
Redazione: redazione@viaggiatoridelgusto.it – Tel: 335.7077010

Via Tevere n° 62 – 47121 Forlì (FC)
C.F.: TMM MSM 54A21 D704Z – P.IVA: 04294400405